Motovedette, inni, tricolori al vento: ecco la rotonda e il pontile della Capitaneria e Gente di Mare

0

MARINA DI PIETRASANTA – Le sirene delle motovedette in mare, gli inni, lo scoprimento delle targhe, le orazioni ufficiali, i tricolori al vento, gli uomini e le donne delle Capitanerie di Porto schierati in divisa, gli Amici del Pontile tutti quanti con la maglietta dedicata all’evento, la curiosità di tanti cittadini e turisti, di piccoli e anziani. Questa mattina si è svolta la cerimonia di doppia intitolazione del pontile alle Genti di Mare e del pontile alle Capitanerie di Porto nel 150° anniversario della fondazione del corpo. Presenti il comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio Davide Oddone, il comandante in seconda della Capitaneria di Porto di Marina di Carrara Alessandro Russo, l’ammiraglio Marco Brusco, il sindaco Domenico Lombardi, il viceprefetto Samuele De Lucia. Hanno preso parte anche rappresentanze dei Comuni di Viareggio, Stazzema, Lucca, numerose autorità di polizia. Da oggi le due targhe si stagliano verso il blu del mare. Entrambe sono opera e sono state donate dagli artigiani versiliesi: Bertozzi & Frediani, Nannini Mirto, Ditta Sigali Emilio, EdilMarmi.

La Storia delle Capitanerie di porto inizia ufficialmente 150 anni fa con il R.D. n°2438 del 20 luglio 1865, il quale, in attuazione del Codice della Marina Mercantile, prevedeva la fusione del Corpo di Stato Maggiore dei porti (militare) con quello dei Consoli di marina (civili). Da 150 anni, le Capitanerie di porto, con il “braccio operativo” della Guardia Costiera (l’insieme dei mezzi navali e dei moderni reparti volo e subacquei), otre a vari compiti amministrativi, garantiscono un impegno quotidiano per il soccorso e la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione, la tutela ambientale e la polizia marittima, al servizio della Comunità Internazionale, della Nazione e della collettività.  Tante le tante iniziative organizzate per la ricorrenza, anche in Versilia: questa mattina, a Marina di Pietrasanta, la Rotonda a mare del Pontile del Tonfano è stata intitolata appunto al Corpo delle Capitanerie di porto.  Alla presenza dei Gonfaloni dei Comuni di Stazzema, Viareggio e Pietrasanta, delle principali Autorità militari, civili e religiose locali, delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e dei Marinai d’Italia giunte da tutta la Provincia, dell’Amministrazione Comunale, dell’Associazione “Amici del Pontile” e della cittadinanza di Marina di Pietrasanta, il Comandante Oddone ed il Sindaco Lombardi hanno salutato e ringraziato tutti gli intervenuti, che con la loro presenza hanno dimostrato affetto e stima per la Guardia Costiera e tutta la gente del mare. Tra i presenti anche l’Ammiraglio Ispettore Capo (a) Marco Brusco, già Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto. Dopo l’alzabandiera solenne sulle note dell’Inno di Mameli, cantato da tutto lo schieramento e dal picchetto armato della Capitaneria di porto di Viareggio, si è proceduto alla scopertura ed alla benedizione della targa commemorativa, realizzata su marmo da maestri artigiani locali, ulteriore segno concreto del tradizionale legame da sempre esistente tra la Capitaneria di porto-Guardia Costiera, la Versilia e la sua gente.

“Desidero innanzitutto porgere i miei deferenti ossequi al Gonfalone di Stazzema, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare per i 7 Comuni della Versilia – questo il discorso del comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio capitano di fregata David Oddone: ”
Saluto il Sindaco Dottor Lombardi, il Vice Prefetto Vicario di Lucca Dott. Samuele De Lucia, il Commissario Prefettizio di Viareggio Dottor Romeo, i colleghi delle altre Forze Armate e di Polizia, le Autorità militari, civili e religiose, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma ed in particolare l’Associazione Marinai d’Italia con Sezioni giunte da varie parti delle Provincia, tutti i gentili ospiti e la cittadinanza di Marina di Pietrasanta. Con la Vostra sentita e numerosa partecipazione conferite lustro e prestigio a questa semplice ma significativa cerimonia e testimoniate stima ed affetto verso l’Autorità Marittima e la “gente di mare”. Il 2015 è un anno particolare per le Capitanerie di porto: la nostra storia è infatti iniziata ufficialmente 150 anni fa.  In questi 150 anni tanti sono stati i momenti significativi, ma tutti hanno un fattor comune: il continuo ampliamento dei compiti istituzionali del Corpo.  Soccorso e salvaguardia della vita umana in mare, sicurezza portuale e della navigazione, tutela dell’ambiente marino e delle risorse ittiche, polizia marittima, demaniale e giudiziaria, formazione della gente di mare, iscrizione del naviglio mercantile, da pesca e da diporto: sono queste le principali sfide operative ed amministrative che i quasi 11.000 uomini e donne delle Capitanerie di porto affrontano ogni giorno da 150 anni con senso del dovere, professionalità, solidarietà ed altruismo. Un impegno quotidiano per stare al passo coi tempi nel rispetto delle proprie tradizioni marinare, ma soprattutto per soddisfare le nuove esigenze della società e le aspettative della Comunità Internazionale, della Nazione e della collettività.  Anche il Compartimento Marittimo di Viareggio ha segnato positivamente la storia delle Capitanerie di porto: innanzitutto, alcuni Comandanti del porto di Viareggio, hanno successivamente ricoperto l’incarico apicale di Capi di Corpo. Tra questi, ricordo con affetto l’ammiraglio Marco Brusco, oggi qui presente, ringraziandolo per la sua costante e preziosa vicinanza. Come non citare poi la fine degli anni ‘80 con la nascita della “Guardia Costiera”, braccio operativo della Capitaneria di porto con tutti i mezzi aereo-navali: per essere immediatamente riconoscibili, come nel resto del mondo, i mezzi del Corpo cominciarono ad essere contraddistinti dal colore bianco e dalla livrea con i colori nazionali ed ancora nera cerchiata di bianco.
In questo periodo di forte espansione per il Corpo, la Versilia è di nuovo protagonista, nel febbraio del 1993, vennero infatti consegnate le prime 3 motovedette “ogni tempo” classe 800 (801, 802 e 803), per anni fiore all’occhiello della Guardia Costiera, realizzate nei cantieri Codecasa di Viareggio che ancora oggi continuano a costruire le nostre motovedette che operano nel canale di Sicilia in soccorso ai migliaia di profughi che quotidianamente provano a raggiungere le coste italiane.
Tante iniziative stanno sorgendo spontaneamente in Italia per ricordare la data storica dei 150 anni; tra queste, quella del Sindaco Lombardi e del Comune di Pietrasanta che ha permesso di intitolare la rotonda di questo pontile appunto al Corpo delle Capitanerie di porto. Una decisione che testimonia l’unione di intenti tra Capitaneria di porto ed Amministrazione Civica di Pietrasanta, da anni fianco a fianco per la tutela dell’ambiente marino e costiero della Versilia.  Quale migliore iniziativa legare nel tempo il nome della Capitaneria di Porto a quello della Rotonda a mare di un pontile?  Il Pontile del Tonfano è un opera moderna, complessa ed ambiziosa, realizzata quasi interamente sull’acqua (ben 214 metri dei 380 complessivi) e profondamente connessa con il mare ed i suoi elementi, il vento, le correnti marine, la spiaggia..  Ma ciò che affascina di questo pontile, con le sue dimensioni, è proprio questa piazza terminale e la visione unica dell’orizzonte marino che offre: nelle giornate più limpide è possibile scorgere tutto il litorale della versilia, da Nord a Sud, la Palmaria, Punta Bianca, la Gorgona…. armonizzate come per magia con le retrostanti Alpi Apuane.  La rotonda di questo pontile si protende verso il mare, così come uomini e donne delle Capitanerie di porto rivolgono al mare la loro passione, il loro spirito di servizio e la loro professionalità.  Chiunque giungerà su questo pontile, su questa rotonda e leggerà la targa oggi inaugurata penserà alle Capitanerie di porto ed alla Gente di Mare, ovvero a tutti coloro che si sono prodigati, si prodigano e si prodigheranno per la valorizzazione dell’ambiente e per un sano utilizzo dell’ecosistema marino.  Concludo, con alcuni ringraziamenti. Ringrazio i miei 67 uomini e donne, militari e civili, della Capitaneria di porto di Viareggio e dell’Ufficio Locale Marittimo di Forte dei Marmi, alcuni qui schierati, a terra ed a bordo delle motovedette, altri rimasti in ufficio a garantire come ogni giorno i servizi pubblici essenziali.
Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato alacremente per organizzare questa cerimonia. Una menzione particolare per i maestri artigiani che l’hanno concepita e realizzata.Il frutto di questo lavoro è un altro tangibile esempio del bel legame che esiste tra la Capitaneria di porto, la Versilia e la sua gente.  Un sentito e doveroso ringraziamento anche alla Giunta comunale di Pietrasanta, all’Associazione AMICI DEL PONTILE, al Dott. Daniele Taccola ed al Dott. Daniele Mazzonipresidente dei balneari pietrasantini.
Infine, consentitemi a nome di tutti i presenti, un abbraccio affettuoso all’amico Sindaco Dott. Lombardi che conclude simbolicamente il Suo mandato con le cerimonie odierne, augurando a Lui ed ai Suoi cari un futuro di soddisfazioni professionali e familiari, nella certezza che con la nuova Amministrazione Comunale continuerà la splendida collaborazione avuta fino ad oggi.  Cambiano gli uomini ma, per altri 150 di questi anni, la Capitaneria di porto-Guardia Costiera sarà a fianco degli amici di questo Pontile e della gente di mare di Pietrasanta. Grazie a tutti!”.

No comments

*