Mover, la parola a Gloria Puccetti: “Viareggio, il paese di Pinocchio”

0

VIAREGGIO – “Il paese di Pinocchio. Succedono cose strane nella nostra cittá. Nonostante  le esortazioni e le relazioni dei Revisori dei Conti, della Corte dei Conti, del Mef…passano i giorni ma niente si vede all’orizzonte. Persino i tre commissari dell’organismo straordinario di liquidazione, si sono persi tra coriandoli e libeccio. Ma è cosí difficile affrontare e risolvere il nodo delle partecipate cosí come la legge di un comune in dissesto impone?”. La riflessione è dell’ex vice sindaco Gloria Puccetti: ” Come si fa a rimanere in silenzio quando si legge che la Mover, (soc.partecipata al 40 per cento dal socio privato, ma al 60 per cento dal comune!) decide, sua sponte, di restituire i tre milioni di aggio straordinario in 35 anni! Come si fa a non notare che mai si è passati alla realizzazione di quel parcheggio a silos nell’area ex gasometro, che doveva essere costruito perchè previsto dal contratto? Come si fa a non notare la poca trasparenza negli elenchi dei lavori che la Mover deve  Nelle societá partecipate, dove è avvenuta la privatizzazione, ci vuole quel controllo che non c’è mai stato, e un’attenzione giornaliera affinchè tutte le opere previste nei contratti vengano realizzate, lo dobbiamo ai cittadini che pagano le tasse, tante tasse. Lo Stato ci dice che quando i contratti di servizio non rispondono più ai principi di economicitá ed efficienza si possono recidere senza penale. Non parliamo poi se sollevano anche dubbi di legittimitá… Per ricominciare a sollevare il capo, la nostra cittá ha bisogno che venga ripristinato un sano principio di legalitá. Non siamo più nel paese dei balocchi. Cosa aspettiamo? Facciamolo velocemente, la città di Viareggio non ha più tempo”.

No comments

*