Mover, modificato lo Statuto: l’atto approvato con 14 voti favorevoli

0

VIAREGGIO -Il Consiglio comunale ha approvato questa mattina la delibera per la modifica dello statuto MoVer: «Il secondo step – commentano dalla maggioranza – verso il riassorbimento di alcuni dei servizi della Patrimonio, riscossione ed illuminazione pubblica, e contestualmente la ricollocazione di 21 dipendenti, che altrimenti sarebbero rimasti senza lavoro».

L’atto è stato approvato con 14 voti favorevoli su 23 presenti (Contrari Lega Nord, Movimento 5 Stelle, Pd e Movimento cittadini per TDL; favorevoli Lista del Ghingaro, Sto con Viareggio, Viareggio tornerà Bellissima; astenuto gruppo misto).

«L’Amministrazione – ha spiegato l’assessore Servetti nel presentare l’atto al Consiglio – ha fatto un’attenta analisi delle partecipate che gravitano intorno al Comune di Viareggio: un percorso iniziato a settembre quando ancora la società Patrimonio era in una fase di liquidazione».

«Dopo il fallimento – continua – abbiamo dovuto affrontare altre problematiche: da un lato riconsiderare i servizi della Patrimonio, tra loro eterogenei, dall’altro cercare per quanto possibile, tutelare i lavoratori».

«E’ stata quindi fatta un’analisi compiuta delle partecipate “sane” per poter dare una risposta ad entrambe le problematiche, ed individuato nella società Mo.Ver., pubblica al 60%, il soggetto che avrebbe potuto assorbire lavoratori e servizi. Per far questo era necessario integrare lo statuto di Mo.Ver., anche se in minima parte, visto che, lo ricordo, aveva già nel suo statuto alcuni caratteri di omogeneità con tali servizi».

Con questa delibera si da quindi mandato al sindaco, affinché provveda in sede di seduta straordinaria dell’assemblea a far approvare le modifiche che adegueranno lo statuto Mo.Ver. alle scelte che l’Amministrazione stanno portando avanti.

In particolare, si legge nella delibera “Aggiungendo all’art.4, il comma 1 bis, ‘la gestione dell’attività propedeutica al recupero attraverso operazioni di postalizzazione ed invio dei solleciti e degli atti esecutivi previsti per legge, delle sanzioni cos’ come accertate dal Corpo di Polizia Municipale, nel rispetto di quanto stabilito dal Codice della Strada”.

La minoranza, si è detta favorevole alla tutela del lavoro dei dipendenti, ma ha votato in maniera negativa alla delibera di giunta: «L’approvare atti che vanno a modificare statuti e contratti, non ci può venire chiesto senza disegno complessivo – ha detto il consigliere Luca Poletti -. Sarebbe un atto di fiducia verso gli assessori e il sindaco che noi non possiamo approvare».

«Con questo atto, lo ribadiamo, c’è la necessità di prevedere una razionalizzazione dei servizi, e la possibilità di dare una tutela occupazionale ai dipendenti coinvolti di cui un Comune in stato di dissesto non può . Dispiace – concludono dalla maggioranza -, che la minoranza al di la’ dei proclami alla stampa, non abbia a cuore tali temi e, quando si trova in quest’aula metta davanti interessi politici alle soluzioni concrete che noi portiamo avanti».

No comments

*