Nicola Conti risponde al Comune: “Nessuna truffa, il sedicente assessore sono io”

0

PIETRASANTA – “Errata valutazione o tentativo di intimidazione? Fatto sta che appena ho letto il titolo del comunicato ho capito dove si voleva andare a parare. Ebbene il “sedicente assessore” e la donna minuta vestita da “hippy” che venerdì hanno dedicato un po’ del loro tempo per chiedere ai proprietari di alcune abitazione del Pollino-Traversagna siamo io e Daniela Bertolucci dell’Associazione Ambientale del Pollino”.

E’ questa la risposta del consigliere del Pd Nicola Conti alla nota stampa arrivata ieri dal Comune di Pietrasanta in merito a sedicenti truffatori ( LEGGI ANCHE: Finto assessore, falsi tecnici e prelievi dell’acqua fasulli: avviate le indagini  )

“Siamo persone più o meno conosciute, entrambe caratterizzate dal dedicare parte del proprio tempo per il prossimo e per l’ambiente. Venerdì pomeriggio siamo rientrati prima dal nostro lavoro per richiedere un campione di acqua potabile da destinare alla ricerca dell’Università di Pisa da alcune abitazioni poste nelle zone dove in passato ci sono stati sforamenti di tallio. Ci siamo presentati per quello che siamo cioè come consigliere comunale il sottoscritto e come membro dell’Associazione la signora Bertuccelli. Ad alcuni ho addirittura scritto su di un foglio il nome e il mio cellulare.
Chi parla di truffa o è in malafede o è inconsapevole delle proprie parole. In più dobbiamo tornare nelle stesse abitazioni due volte per ritirare il campione stesso. E poi Daniela al Pollino lotta contro l’inceneritori da molte decadi ed è molto conosciuta per la sua azione.
In ogni caso mi sono già incontrato con il comandante Fiori per spiegargli che secondo noi siamo vittima di un basso tentativo di intimidazione. Al contempo ci tengo a precisare che la nostra azione per i cittadini, al fianco dei cittadini, continuerà più convintamente di prima e che certi comunicati o maldestri tentativi si definiscono per quelli che sono, e chi ha affermato certe cose diffamatorie se ne dovrà assumere la responsabilità nelle sedi opportune.
Pensare che il Vice-Sindaco, candidato in pectore, si permetta di fare simili affermazioni sgomenta, pensare che una persona del genere possa diventare Sindaco ci getta nello sconforto, la credibilità è già venuta meno altre volte ma non perde occasione per dimostrare ulteriormente il suo spessore umano e politico .
Il fatto che un consigliere sia vicino alla cittadinanza è normale e giusto, forse non per Mazzoni, che non essendo stato votato da nessuno questo proprio non lo capisce”.

No comments

*