Notte di controlli straordinari, in tre finiscono in manette

0

VERSILIA – Nel corso della serata di ieri i Carabinieri, su disposizione del Comandante Provinciale di Lucca, hanno eseguito in Versilia, Lucchesia e e Garfagnana un controllo straordinario del territorio con l’intensificazione del pattugliamento dei centri urbani e delle zone rurali.
Nel corso del servizio, come concordato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Signor Prefetto Giovanna Cagliostro, tenutosi nei giorni scorsi, sono stati attuati lungo le principali vie di comunicazione della Provincia posti di blocco e controllo, inseriti in attività anti terrorismo finalizzati anche a prevenire e reprimere la commissione dei reati di natura predatoria.
Nel corso del servizio, che ha visto impiagate in Versilia 11 pattuglie anche in abiti civili, sono stati controllati 59 soggetti, di cui 18 pregiudicati e 35 di origine straniera. 27 le autovetture sottoposte a controllo e 3 gli esercizi pubblici passati al setaccio poiché solitamente frequentati da soggetti di interesse operativo. Particolare attenzione è stata dedicata ai luoghi prossimi alla Stazione Ferroviaria di Viareggio ove, oltre al controllo dei soggetti presenti in zona, è stato istituito un posto di blocco che ha accuratamente passato al setaccio ogni autovettura che faceva ingresso nella piazza.
Durante i controlli eseguiti i Carabinieri del Comando Stazione di Camaiore hanno arrestato Fernando Del Sarto, classe 1938, pregiudicato, su mandato emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucca dovendo lo stesso espiare la pena definitiva di 6 mesi di reclusione poiché ritenuto responsabile del reato di occultamento e distruzione di documentazione contabile commesso nel dicembre del 2011.
L’arrestato, all’epoca dei fatti titolare di una ditta, poi fallita, occultò della documentazione contabile al fine di evitare il pagamento di alcune imposte, ma la condotta venne scoperta e per il fatto venne condannato. Dopo le incombenze di rito l’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lucca.

Inoltre i Carabinieri della Stazione di Querceta hanno tratto in arresto Luciano Spadaccini, classe 1975, barista, pregiudicato, poiché colpito da un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Firenze dovendo il medesimo espiare la definitiva di mesi 6 di reclusione poiché ritenuto responsabile del reato di guida in stato di ebrezza e guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, commesso in Camaiore il 15.05.2012. Terminate le incombenze di rito lo Spadaccini è stato condotto presso la propria abitazione ove sconterà la pena agli arresti domiciliari.

Sempre nel corso dei controlli alla circolazione stradale i Carabinieri di Camaiore hanno identificato Giuseppe Lazzerini, classe 1968, artigiano, pregiudicato, che è risultato essere destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lucca in quanto il predetto è stato condannato alla pena definitiva di mesi 10 e giorni 18 di reclusione poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio commesso in Seravezza il 21.03.2013, giorno in cui venne arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri della Stazione di Querceta poiché venne sorpreso a coltivare in una serra 76 piante di marijuana. Lazzerini dopo le incombenze del caso è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lucca.

Infine, sempre nella serata di ieri, i Militari del Nucleo Operativo e Radiomobile sono intervenuti presso un esercizio commerciale di Viareggio ove una donna era stata sorpresa mentre tentava di asportare prodotti di varia tipologia del valore complessivo di circa 50 euro. La donna è stata quindi deferita in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria poiché ritenuta responsabile del reato di furto e la refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

No comments

*