Nuove foto trappole contro l’abbandono di ingombranti e rifiuti nel territorio

STAZZEMA – Nuove foto trappole e telecamere per colpire coloro che abbandonano i rifiuti al di fuori delle piazzole di raccolta. Un fenomeno che deriva in principal modo dall’abbandono da parte di cittadini che non appartengono al Comune di Stazzema e che si servono indebitamente soprattutto delle zone del fondovalle per portare la spazzatura e gli ingombranti. Da qui è arrivata la decisione dell’Amministrazione Comunale di Stazzema di potenziare il controllo in particolare nelle zone più vicine alla piana, Ruosina, Pontestazzemese, ma anche Gallena e Sant’Anna di Stazzema che sono oggetto di un abbandono indiscriminato di oggetti nella speranza di farla  franca. Nei giorni scorsi  gli stessi operatori Ersu hanno potuto risalire all’identità di alcuni cittadini che hanno effettuato l’abbandono nel territorio di Stazzema in maniera non corretta, attraverso l’analisi del contenuto dei sacchi. L’organo di vigilanza ha pronte sanzioni esemplari per questi soggetti che stanno danneggiando i cittadini di Stazzema che pagano la raccolta sul territorio e sono da cattivo esempio per tutti. Laddove infatti, si viene a formare un cumulo di rifiuti si instaura la convinzione che vi sia uno scarso controllo, incoraggiando nuovi abbandoni.

“Abbiamo potuto constatare”, commenta il Presidente del Consiglio Comunale e delegato all’ambiente Alessio Tovani, “che il fenomeno di abbandono di ingombranti riguarda in particolare cittadini non residenti che arrivano nel territorio di Stazzema, nella convinzione di un minor controllo dello stesso. Le telecamere stanno facendo a pieno il loro lavoro e sono state notificate le prime sanzioni contro i trasgressori, ma serve un ulteriore impegno e sarà migliorato il sistema di vigilanza e di controllo attraverso foto trappole e telecamere per colpire questo fenomeno una volta per tutte in particolare sul fondovalle, Ruosina, Gallena, Pontestazzemese, ma anche Sant’Anna di Stazzema dove il fenomeno è più evidente. Ersu svolge la raccolta di ingombranti a titolo gratuito e su prenotazione: non si capisce perché danneggiare ambiente e territorio. Servono i sistemi di controllo, ma anche un salto di qualità di ciascuno di noi. Faccio appello ai cittadini di fare la raccolta differenziata nella miglior maniera possibile: da parte sua il Comune provvederà a ricalibrare secondo le esigenze degli utenti i giorni di raccolta e potenzierà le vuotature dei contenitori”