Nuovo blitz antidroga in pineta a Viareggio: arrestato un italiano con 1 etto di hashish e 3mila euro in contanti

VIAREGGIO – Operazione antidroga dei Carabinieri: arrestato un italiano per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Viareggio hanno eseguito un’operazione antidroga sul territorio di competenza nel corso della quale un italiano, Narciso Malfatti, classe ’44, già noto alle forze di polizia, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
In particolare, i militari dell’Arma, hanno effettuato lo specifico servizio effettuando diversi controlli e perquisizioni a soggetti dediti allo spaccio di stupefacenti nei pressi della pineta.
Nella circostanza, i Carabinieri hanno notato il Malfatti mentre si aggirava nei pressi di via Mameli con fare sospetto, pertanto, dopo averlo seguito nei movimenti, hanno fatto scattare il blitz.
L’uomo, che stava maneggiando degli involucri di alluminio vicino ad un’autovettura parcheggiata, è stato quindi fermato per un controllo ed è stato sottoposto a perquisizione personale, a seguito della quale è stato trovato in possesso di 10 stecche di sostanza stupefacente del tipo “hashish” per un peso complessivo di circa 100 grammi.
A questo punto, gli uomini dell’Arma si sono recati nell’abitazione del soggetto ed hanno effettuato una perquisizione domiciliare, rinvenendo la somma in contanti di oltre 3.000 euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti.
L’uomo, dunque, è stato condotto in caserma e dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.
Intanto, i Carabinieri hanno sequestrato tutta la sostanza stupefacente che sarà trasmessa al laboratorio di analisi per i risultati qualitativi e quantitativi al fine di stabilirne con precisione le dosi ed i guadagni che si sarebbero potuti ricavare dall’attività di spaccio.