Omaggio a Monicelli: Amici miei al Centrale

0

VIAREGGIO – Sono passati 40 anni dall’apparizione di “Amici miei”, uno dei più fortunati film di Mario Monicelli. Si è detto che la storia di questi cinque professionisti non più giovani dediti agli scherzi e alle “zingarate” abbia contribuito a sdoganare la comicità toscana, che prima di “Amici miei”, appunto, non era vista di buon occhio da produttori e autori cinematografici.

Nel raccogliere la richiesta di Pietro Germi, ormai malato e prossimo alla fine, che pregò l’amico Monicelli di realizzare al suo posto il progetto di “Amici miei”, il grande Mario ebbe l’intuizione di trasferire le gesta degli attempati vitelloni da Bologna a Firenze. Consegnando così per sempre il conte Mascetti, il giornalista Perozzi, il professor Sassaroli, l’architetto Melandri e il barista Necchi al territorio del mito.

Nel 40° anniversario della prima proiezione di “Amici miei”, il film ritorna sul grande schermo. E’ infatti in programma oggi al cinema Centrale alle 17,30 e alle 21. Poiché questo 2015 è anche il centenario della nascita di Monicelli, affettivamente legato alla “sua” Viareggio, la proiezione delle 21 sarà preceduta da un breve ricordo sul regista, che si inserisce nelle celebrazioni del centenario ideate dall’Associazione Promocinema e sostenute dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca.

Nel maggio scorso grazie alla sensibilità del gestore è stato affissa una targa ricordo al cinema Centrale e si è svolta a Viareggio una giornata di studio sul regista, alla quale hanno partecipato Felice Laudadio, Sebastiano Mondadori, Fabrizio Borghini e Umberto Guidi. E’ seguita la proiezione pubblica, all’Eden, del film “Romanzo popolare”. Altre iniziative durante l’estate a Castiglione Garfagnana e successivamente a Lucca, nell’ambito di Lucca Comics and Games. Nel 2016 prenderà il via una borsa di studio riservata alle tesi di laurea sulla commedia cinematografica italiana, che sarà consegnata a Viareggio.

No comments

*