Ossa fossili nel sottotetto, visita della Commissione Cultura per i libri

0

VIAREGGIO- «Abbiamo più volte ribadito che la collocazione attuale dei libri e dei giornali tolti dal magazzino della biblioteca, è provvisoria – così il vicesindaco Rossella Martina dopo il sopralluogo effettuato dalla commissione Cultura nei locali della ex circoscrizione Darsena e Tabarracci -. Lo sono forse meno i consiglieri che mi hanno accompagnato nel sopralluogo: c’è da chiedersi dove fossero queste persone, così attente oggi al patrimonio culturale della città, mentre Viareggio veniva defraudata».

«Il Comune è in dissesto, lo ricordo perché sembra non essere chiaro – continua il vicesindaco – e nonostante questo stiamo facendo i salti mortali per sistemare il patrimonio culturale che altri, prima di noi, hanno disgregato».

«Come si ricorderà i Vigili del Fuoco a metà settembre hanno intimato all’Amministrazione di svuotare il magazzino della biblioteca che conteneva migliaia di libri e le collezioni dei giornali ed era stato riempito senza uno straccio di sistema antincendio».

«Abbiamo svuotato il magazzino e portato provvisoriamente i libri e i giornali in locali dove potessero essere conservati in attesa di ripristinare il magazzino».

«Come più volte ho già spiegato, la maggior parte dei libri sono collocati su pancali all’ex circoscrizione e al Tabarracci, mentre i volumi più preziosi sono sistemati negli scaffali di Villa Paolina».

«Storia a parte per le collezioni di giornali che da anni non potevano essere consultate perché ammassate malamente all’interno del magazzino preda di umidità e parassiti tanto che molti sono deteriorati e dovremo tentare di restaurarli per quanto sarà possibile. Anche i giornali collezionati ora si trovano al sicuro a Villa Paolina».

«Stiamo lavorando, lo ribadisco, per cercare le risorse per installare il sistema antincendio e riportare il prezioso carico nel magazzino».

Un altro problema risolto è la questione del deposito di paleoantropologia e paleopatologia: oltre 2mila cassette di ossa fossili conservate nel sottotetto del palazzo delle Muse.

I reperti si trovavano li’ per una convenzione firmata con l’Unipi nel 1983: convenzione che era stata più volte annullata (la prima volta nel 2004, la seconda nel 2007), ma alla disdetta non era mai seguita l’azione di sgombero.

Adesso i fossili verranno spostati all’Università di Siena: del trasloco si stanno occupando in questi giorni, i tecnici e gli studiosi dell’Ateneo pisano.

«Siamo attivi su tutti i fronti – conclude il vicesindaco – stiano tranquilli i consiglieri che oggi mi hanno accompagnato nel sopralluogo. Se fossero stati così solleciti anche in passato, adesso forse, non ci troveremmo in questa situazione».

ossaindex

No comments

*

Notte di furti e arresti

FIRENZE – Durante la notte, verso le 02:00, i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in via Edison, nei pressi della società denominata “Eurodifarm”, poiché ...