Ossa nel bosco a Bozzano, fine del mistero: lo scheletro ritrovato ora ha un nome

0

MASSAROSA – ( di Letizia Tassinari ) – Sono passati oltre due anni  dal macabro ritrovamento di ossa in un bosco a Bozzano. E oggi il giallo è terminato con la identificazione: si tratta di un inglese 43enne, Stuart Bramwell, ma il mistero sul perchè i resti dell’uomo si trovassero li prosegue.

Era il 10 dicembre del 2012 quando lo scheletro fu ritrovato nella boscaglia raggiungibile da una strada sterrata, poco sopra via Gagni, a distanza di qualche centinaio di metri da alcune case e dallo stadio Rontani, nella piccola frazione del comune di Massarosa. Era stato un cercatore di funghi a notare in terra, in tarda mattinata, alcune ossa sparse in più punti e a chiamare il 113, presupponendo che si trattasse di resti umani, e immediamente sul posto erano confluite le volanti, la Polizia Scientifica e l’Anticrimine del Commissariato di Viareggio diretto da Rosaria Gallucci, unitamente al personale della Squadra Mobile diretta da Viriglio Russo da Lucca. Informato il pubblico ministero di turno, dottoressa Lucia Rugani, era stato subito dato incarico al medico legale Stefano Pierotti che aveva operato per ore nel difficile recupero dei resti scheletrati, sui quali da quanto riferito dall’anatomopatologo, aveva agito anche la fauna, nella zona ci sono infatti molti cinghiali, mentre l’accesso a tutta la zona boschiva, che era stata disboscata con l’ausilio di una motosega, era stata inibita a chicchessia. Le indagini per risalire alla identità si sono concluse oggi grazie a un particolare, la mandibola, oggetto di un intervento chirurgico, come emerso dalle analisi di laboratorio commissionate dal Ministero degli Interni. Stuart Bramwell era scomparso dalla primavera e im quel periodo si trovava da solo in viaggio in Italia, nella zona tra Carrara e Pisa. Qualcuno, è quanto ricostruito dalle indagini di Polizia, lo aveva visto camminare da solo con un zaino in spalla. I familiari del 43enne, che vivono in Sudafrica, sono stati informati dell’identificazione.

 

No comments

*