Pastry chef, tra i titolati Gabriele Vannucci

0

VIAREGGIO – Da lunedì 6 a mercoledì 8 marzo si sono susseguiti, a ritmo serrato, approfondimenti tecnici, degustazioni sensoriali, sessioni d’esame e confronto tra i protagonisti del settore Pasticceria di Qualità in Italia. E’ successo a Brescia presso la sede di CAST Alimenti http://www.castalimenti.it/, dove il Presidente Gino Fabbri ha raccolto la squadra di Accademici nel XXV Simposio Tecnico AMPI, evento riservato agli Associati. La grande novità della XXV edizione del Simposio Tecnico è l’inserimento di una nuova famiglia: i pastry chef da ristorazione AMPI. A seguito di una sessione d’esame rigorosa e selettiva, sei pasticceri si sono aggiudicati il titolo.

Parole di apprezzamento sono arrivate da Iginio Massari, Presidente onorario e fondatore di Accademia Maestri Pasticceri Italiani. Il Maestro dei Maestri si è detto “molto soddisfatto di aprire le porte ai pasticceri da ristorazione e molto contento del fatto che il progetto abbia incontratocosì velocemente le esigenze della controparte. I ristoranti di altissimo livello erano alla ricerca di un riconoscimento autorevole dei
professionisti che curano la carta dei dolci e hanno trovato in AMPI l’interlocutore e il soggetto di riferimento per il settore Pasticceria di alta qualità in Italia”. AMPI e tutti gli accademici ne escono sicuramente arricchiti; il confronto sulla tecnica e sulle materie prime impiegate per realizzare i prodotti di pasticceria da banco con quelle tipiche dei dessert al piatto espressi serviti al ristorante daranno luogo a contaminazioni e confronti i cui frutti saranno visibili presto.

Tra i titoali Gabriele Vannucci nasce a Pietrasanta il 10 ottobre 1988. Respira arte sin dalla culla: Madre fotografa, padre scenografo e costruttore dei famosi carri del carnevale di Viareggio.  Dal nonno, famoso pittore, apprende l’amore per il disegno e la conoscenza dell’uso del colore, dove Gabriele presta particolare attenzione nella creazione dei suoi dessert. Frequenta l’istituto alberghiero di Massa, ma la scuola non fa per lui; interrompe gli studi al quarto anno per approdare nel laboratorio del Maestro Luca Mannori, dove rimane per tre anni. Questa esperienza lo segna moltissimo. Dal Maestro cerca, con estrema dedizione, di carpire piu’
tecniche possibili. La vita da laboratorio, pero’, non e’ nelle sue corde e vola a New york per gestire la produzione di pasticceria di un ristorante con annessa caffetteria e panetteria. Riceve la chiamata dallo Chef Franck Cerutti che lo chiama a Monaco
all’Hotel de Paris. Qua Gabriele aumenta il suo bagaglio di esperienza, imparando le basi classiche della pasticceria Francese.Finita, l’esperienza Francese, vola a Londra per capire e conoscere la cucina molecolare ed approda al Fat Duck di Heston Blumenthal come stagista. Segue l’apertura di due locali a New york. Lavora poi in alcune prestigiose realta’ ristorative stellate italiane come il ristorante “il piccolo principe” di Viareggio. Nel 2015 partecipa ai Campionati italiani di pasticceria seniores, a Rimini

No comments

*