Pavel Kohout al Festival Organo della Pace di Sant’Anna

0

STAZZEMA – Il Festival Organo della Pace Sant’Anna di Stazzema giunge alla sua ottava edizione, confermandosi un importante appuntamento nel panorama di musica classica, da camera ed organistica che caratterizza la Versilia e la Provincia di Lucca.

Il Festival 2014 è dedicato al 70° Anniversario dell’Eccidio di Sant’Anna di Stazzema e, grazie alla collaborazione fra Italia e Germania, ospita musicisti di livello internazionale che accoglieranno tutti gli appassionati dal 5 luglio al 31 agosto. Impreziosiscono la programmazione Il concerto della memoria del 6 luglio a Pietrasanta e due prime mondiali a Sant’Anna, oltre ad una conferenza sul tema della giustizia.

Domenica 24 agosto, alle ore 18,00 si tiene il concerto per organo di Pavel Kohout, musicista di Praga, considerato uno dei più importanti organisti della sua generazione. Kohout ha svolto infatti attività in tutti i paesi europei, Russia, Georgia, Honkong, Singapore, Israela, Siria, Giappone, Australia, Nuova Zelandia e negli Stati Uniti. Ha suonato nei migliori festival internazionali a Praga, Bratislava, Bucarest, Monaco di Baviera, Francoforte sul meno, Parigi, Mosca, Amsterdam, Haarlem, Zaragoza, Atene, Lisbona, Principato di Monaco, Gerusalemme, Sapporo, Tokio, Auckland, New York City, Washington D.C., Atlanta, San Francisco, Los Angeles, Houston e nelle sale più importanti quali Berlino, Sidney, Melbourne, Tokio, Mosca e Notre Dame di Parigi: la sua presenza a Sant’Anna di Stazzema conferma l’alto livello qualitativo della stagione 2014, che sta ormai per giungere al termine. Il ricco programma di sala propone agli appassionati presenti, ben 16 brani di grandi maestri del passato tra cui ricordiamo Antonio Vivaldi, Carl Philipp Emanuel Bach e Franz Anton Hugl.

Grazie al linguaggio universale della musica, l’Organo della Pace, oggi parte integrante del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna d Stazzema, vuole contribuire a preservare la memoria di un passato europeo comune e doloroso come quello del nazifascismo.

No comments