Pellegrini (Fratelli d’Italia) : “Del Dotto è un sindaco contro la gente”

0

Un sindaco contro la gente, questo è Alessandro Del Dotto, quello che doveva essere il sindaco della gente, dei cittadini, ligio al dovere e disponibile al dialogo, si è dimostrato essere una persona poco disponibile da non ascoltare ne le critiche ne i suggerimenti.

“Continuano ad arrivarci segnalazioni relativamente alla raccolta differenziat a- spiega il responsabile comunale FDI – AN di Camaiore, Fabrizio Pellegrini – bidoni rovesciati all’ingresso del centro storico, materassi vicino ai pochi bidoni rimasti per l’indifferenziata, festival Gaber alle porte coi commercianti della piazza in rivolta, e la nuova stagione ancora pensa con tutti i problemi che ci sono a far insediare un consigliere extracomunitario aggiunto. Ecco a cosa pensa il sindaco da voi eletto cari concittadini, al Gaber e agli extracomunitari, e vista la polemica precedente tengo a precisare che per extracomunitari intendo cittadini con cittadinanza extraeuropea, non sono abituato a fare distinzione di colori, si proprio così, usa le chiese per fare casting e vuol mettere a governarci uno straniero, come se non fossero abbastanza “stranieri” alle idee comuni già quelli che ci stanno governando adesso. Ma stiamo veramente scherzando? E l’opposizione mi stupisce perché cerca una mediazione per eleggerlo all’unanimità ? “.

Fratelli D’Italia – Alleanza Nazionale è fermamente convinta che sia profondamente sbagliato:  “Siamo invece pregiudizialmente contrari alla figura del consigliere straniero, è un concetto sbagliato per la mancanza di rispetto nei confronti di chi nasce in Italia e in Italia da sempre paga le tasse, sbagliato nei confronti dei nostri nonni che sono morti per evitare che lo “straniero” ci governasse. Quindi diciamo fermamente no e lanciamo un monito alle opposizioni, nessun accordo con chi voterà a favore di questo scempio, ne ora ne mai, non appoggeremo nessun eventuale ballottaggio alle prossime elezioni con chi aiuta l’amministrazione dittatoriale Del Dotto a portare avanti queste scempiaggini, e ai cittadini diciamo che devono opporsi fortemente, perché oggi il momento è critico, dare potere allo “straniero” significa toglierlo di fatto agli italiani, e quindi agevolare chi vuole dare a loro le case popolari (come già stanno facendo) e dargli la precedenza nell’assegnazione di posti di lavoro e sussidi. Inutile che ci veniate a dire che non è pagato e che non ha potere di voto, se anche cosi fosse ribadiamo che sarebbe ulteriormente sbagliato, in primis perché chi lavora deve essere retribuito, e in seconda istanza perché a che serve avere questa figura se poi non ha neanche diritto di voto?. È forse solo un nuovo modo per cercare di raccattare voti?.  E al sindaco diciamo: dovete dare ai cittadini la possibilità di scelta, per cui se volete alle prossime elezioni mettete un extracomunitario come candidato, se sarà votato dalla cittadinanza a rappresentarci, benché contrari, non ci opporremo”.

No comments

*