Per il Piazzone l’amministrazione ha risposto picche, poveri operatori economici…

0

VIAREGGIO – “Vorrei tornare ancora una volta sul senso del mio voto favorevole e della mia presenza all’approvazione del consuntivo 2013, voto questo che ha consentito all’Amministrazione Betti-Romanini di continuare nel proprio mandato.
Sì il mio voto è stato determinante – al pari di quello dei Consiglieri che hanno votato a favore – per dar modo a Betti di esprimere il buon governo necessario a questa Nobile Città”.

La nota stampa che pubblichiamo integrale è di Luigi Troiso:  Oggi ho avuto la testimonianza diretta che tutto ciò non accade: oggi si è tenuta una riunione con i rappresentanti degli operatori commerciali del Piazzone in Piazza Cavour i quali hanno chiesto “semplicemente” di poter dilazionare in più rate il loro debito e una rivisitazione del canone d’affitto e ciò  motivato dal fatto che tutti conosciamo: La profonda crisi che attanaglia l’Italia e, in particolare, gli operatori economici minori come, appunto, i commercianti del Piazzone. E cosa risponde l’Amministrazione ? Il Vice Sindaco Romanini, assessore al ramo, si è limitato a dire non si può fare perché il regolamento comunale non permette di superare le 48 rate. ASSURDO!!! I regolamenti possono essere modificati ed io ritengo che in questa congiuntura economica negativa l’Amministrazione Comunale debba fare quanto gli Operatori hanno chiesto. Non è accettabile un rifiuto; non è accettabile nascondersi dietro un regolamento che può e deve essere modificato per il rilancio economico della città. Non è accettabile il “Far nulla” come, forse, neanche un Commissario Prefettizio farebbe. Ciò detto mi rivolgo al Sindaco, al Vice Sindaco e a Tutta la Città: ho votato il consuntivo 2013 perché Voi amministratori facciate atti e azioni necessarie al rilancio della città. SVEGLIATEVI, io vigilerò sul Vostro operato e segnalerò ogni vostra mancanza. Dopo la riunione di oggi mi sono vergognato di aver, con la mia presenza, assicurato la sopravvivenza di questa Amministrazione. D’ora in avanti le mie proposte e le mie azioni saranno pubbliche e al vaglio di tutti i cittadini e vigilerò affinché questa Amministrazione in catalessi si svegli, si alzi e proceda a passo spedito a SERVIRE la Città che governa.
E come a scritto un grande Uomo, il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa al cospetto del quale mi inchino, … ” certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli” .
Ed io voglio guardare serenamente negli occhi le Generazione Future…”.

No comments

*