Perseguita la ex e tenta di accoltellare il figlio: in manette un 56enne

0

I carabinieri della Stazione di Massarosa nella giornata di ieri hanno tratto in arresto un uomo di 56 anni per il reato di atti persecutori.

Nel primo pomeriggio di ieri, a Massarosa, i carabinieri della locale Stazione sono intervenuti nei pressi dell’abitazione di una donna che aveva chiesto aiuto chiamando in caserma poiché il suo ex convivente si era presentato a casa minacciando di morte con un coltello lei e il loro figlio. Immediatamente giunti sul luogo, i militari  hanno effettivamente trovato una donna che li andava incontro piangendo e  subito dopo hanno notato un uomo e un ragazzo che discutevano animatamente in mezzo alla strada. La signora, visibilmente scossa e agitata, aveva in mano un coltello e ha spiegato come erano andati i fatti, in particolare ha chiesto aiuto per fermare l’ira del suo ex convivente nonché padre dei suoi due figli. I carabinieri hanno  riportato le parti alla calma e accompagnato tutti in caserma per chiarire la faccenda. La donna ha denunciato e  spiegato ai militari come il suo ex convivente da circa un anno, non accettando la fine della loro relazione, aveva cominciato a perseguitarla con minacce, ingiurie a aggressioni varie. La stessa non aveva mai denunciato i fatti per il bene dei figli, ma lo stress psicologico e l’escalation di violenza erano diventati ormai insostenibili. Nel pomeriggio infatti, dopo l’ennesima lite, il figlio aveva cercato di difenderla e il padre come reazione si era presentato sotto casa per aggredirlo. Il ragazzo aveva però cercato di farlo ragionare  e dopo una breve colluttazione era anche riuscito a disarmarlo, azione durante la quale l’uomo si era procurato un taglio al palmo. L’uomo, che probabilmente aveva fatto anche uso di bevande alcoliche, in caserma ha continuato a minacciare  e proferire parole ingiuriose nei confronti della ex convivente. Dopo gli opportuni accertamenti, lo stesso è così stato dichiarato in stato di arresto e condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. Nella mattinata di domani si svolgerà il rito direttissimo presso il Tribunale di Lucca.

No comments

*