Perseguita e minaccia la ex e non paga l’assegno per il figlio minore: divieto di avvicinamento per un 50enne pistoiese

0

VIAREGGIO – La Polizia di Viareggio ha notificato a un 50enne pistoiese la misura cautelare del divieto di avvicinarsi a una distanza inferiore ai 100 metri alla ex moglie, ai luoghi da lei frequentati e di non comunicare con lei con qualsiasi mezzo. Per la vittima, una 50enne di Viareggio, da quando è iniziata la causa per la separazione è cominciato un periodo difficile, poiché l’uomo, non accettando la fine del matrimonio, ha iniziato a perseguitarla e minacciarla, con ripetuti messaggi e telefonate, talvolta alla presenza del figlio di 10 anni,

Gli atti persecutori si sono concretizzati anche in appostamenti nei pressi dell’abitazione, effettuati al fine di controllare gli spostamenti della donna, costringendola finanche ad evitare le uscite con le amiche, per paura di incontrare l’ex marito, la cui gelosia lo ha spinto a pronunciare le seguenti frasi: “Io vedo tutto e so tutto, stai ben attenta a quello che fai. Ti perseguiterò tutta la vita, non ti lascerò mai in pace. L’unica cosa che devi fare è tornare con me”.

Addirittura, un parente della vittima è stato anch’egli oggetto delle minacce dello stalker, che lo riteneva responsabile di aver aiutato e sostenuto la donna durante la separazione.

L’uomo ha anche violato gli obblighi di assistenza familiare, non provvedendo al versamento della somma mensile per il mantenimento del figlio, come stabilito in udienza.

Pertanto, il GIP del Tribunale di Lucca ha ritenuto che i reiterati comportamenti dell’ex coniuge, puntualmente documentati dagli esperti del Codice Rosa del Commissariato di Polizia di Viareggio, integrassero i gravi indizi della commissione dei reati di atti persecutori, violazione degli obblighi di assistenza familiare e violenza privata, ponendoli alla base della motivazione del divieto di avvicinamento di cui all’art 282 ter del codice di procedura penale.

L’uomo è anche stato ammonito che, in caso di inottemperanza, sarà sottoposto alla custodia cautelare in carcere.

No comments

*