Pesca di arselle: la Capitaneria di porto ricorda le regole

0

VIAREGGIO – Continuano a pervenire alla Capitaneria di porto di Viareggio richieste di informazioni o segnalazioni in merito alla pesca sportivo-ricreativa delle “telline”, volgarmente conosciute con il termine “arselle” o “nicchi”.

La materia è disciplinata dal D.M. 21 luglio 1998 e successive modifiche “Disciplina della pesca dei molluschi bivalvi” del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dal D.P.R. n° 1639 del 2 ottobre 1968 recante il “Regolamento per l’esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima”.

Le norme prevedono quanto segue:

a) è vietata la pesca delle telline nel mese di aprile (periodo di riproduzione);
b) è vietata la cattura di esemplari nei giorni festivi (giorni rossi del calendario);
c) il quantitativo giornaliero di pescato per persona non può superare i 5 Kg;
d) è vietata la commercializzazione del prodotto pescato;
e) la dimensione minima del mollusco è pari a 2 (due) centimetri (gli esemplari di taglia minore devono essere rigettati in mare);
f) la dimensioni dell’apertura della maglia del sacco (in rete metallica o rete tessile) di raccolta deve avere una apertura minima di 2 (due) centimetri (ottenibile con i lati delle maglie quadrate non inferiori a 10 mm);
g) dal 1 maggio al 30 settembre la pesca delle telline è consentita, con la dovuta cautela, anche nella fascia di mare riservata alla balneazione di cui all’Ordinanza di Sicurezza Balneare del Capo del Circondario Marittimo;
h) l’uso del rastrello da natante è consentito soltanto ai pescatori professionali mediante specifica autorizzazione ed annotazione sulla licenza di pesca.

In caso di inosservanza delle suddette disposizioni sono previste sanzioni salate (fino a 1.000 euro), oltre al sequestro dei prodotti ittici eventualmente pescati e delle attrezzature utilizzate: proprio come accaduto nei giorni scorsi (siamo ad aprile, quindi in pieno divieto) ad un pescatore sportivo colto in flagranza nelle acque antistanti la passeggiata di Viareggio.

La Guardia Costiera proseguirà nei controlli, anche a tutela dei pescatori sportivi rispettosi delle regole; per maggiori informazioni è sempre possibile rivolgersi all’Ufficio Pesca della Capitaneria di porto di Viareggio in Piazza Palombari dell’Artiglio (telefono 0584/4393210), aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00, martedì e giovedì anche nel pomeriggio dalle 15.00 alle 16.00.

No comments

*