Piano degli alberghi, le rassicurazioni di Molino

0

FORTE DEI MARMI – Il vice sindaco  Michele Molino usa toni rassicuranti parlando del Piano degli alberghi. “Ci siamo incontrati con il direttivo dell’associazione – spiega Molino-  per discutere alcune tematiche importanti sollevate dalla categoria.  Certamente il tema degli ampliamenti messi a disposizione dall’attuale Piano Strutturale è un elemento di discussione importante proprio perché negli ultimi mesi diverse strutture sono state acquistate da gruppi stranieri. La preoccupazione del Presidente, quindi,  è quella che tale dimensionamento possa essere assorbito dagli interventi di adeguamento che questi alberghi potrebbero richiedere. Dunque –prosegue  il vice sindaco –  la richiesta  da parte degli albergatori di rivedere ed allargare tale limite nella redigenda variante al Piano Strutturale non può che essere condivisa. Per questo, stiamo lavorando da tempo al nuovo Piano strutturale nel quale intendiamo aumentare gli ampliamenti previsti per le strutture alberghiere   e lo  porteremo presto all’attenzione dei cittadini e delle categorie, grazie agli incontri partecipativi, così come impone la legge. Nel frattempo, riguardo ai 4.500 mq previsti nell’attuale Piano stiamo predisponendo una delibera, da valutare insieme all’associazione albergatori, che stabilisca dei criteri adeguati per l’utilizzo immediato di questa possibilità di ampliamento. Riteniamo che l’obiettivo debba essere quello di garantire il corretto inserimento delle strutture turistico ricettive nel contesto esistente, scongiurando un eccessivo impatto delle strutture oggetto di riqualificazione, rispetto al preesistente patrimonio edilizio e favorendo gli interventi che presentano obiettive dotazioni pubbliche o di pubblico interesse, o in termini di spazi verdi. L’implementazione dei servizi accessori offerti dalle strutture (sale riunioni, centri fitness e benessere, sale lettura e simili), unitamente all’adeguamento funzionale delle camere, costituiscono strumenti necessari per l’innalzamento dell’offerta qualitativa.  Intendo dire che vogliamo aumentare la qualità degli arredi urbani e privilegiare ampliamenti che possano avere un ritorno per il pubblico. Riteniamo, infatti,  ci debba essere una razionalizzazione dei metri quadrati a disposizione in modo che vengano utilizzati al meglio per migliorare la ricettività della struttura, senza stravolgerne la fisionomia.  Abbiamo chiuso l’incontro  – termina il vice sindaco- con l’impegno di ritrovarci al tavolo per discutere e condividere con la categoria tutte queste  tematiche”.

No comments