Pink is the new black, stereotipi di genere nella scuola d’infanzia

VIAREGGIO – Stereotipi di genere nella scuola d’infanzia, questo l’argomento del primo incontro del ciclo «Tra riflessione scientifica e attivismo: studios*, istituzioni e associazionismo in dialogo contro le discriminazioni a soggetti LGBTQI» organizzato dal Comune di Viareggio in collaborazione con l’associazione Culturale e di Promozione Sociale AG-About Gender.

L’appuntamento è per domani, venerdì 6 aprile, alle 17, a Villa Paolina.

La discussione di una ricerca etnografica sugli stereotipi di genere in alcune scuole dell’infanzia, sarà il pretesto per riflettere sui processi di costruzione e riproduzione dell’ordine di genere e delle gerarchie e dei rapporti di potere tra identità, corpi e orientamenti sessuali che lo definiscono.

«Lo scopo – conclude Tomei – è quello di sensibilizzare la popolazione e favorire il dialogo tra comunità scientifica ed associazionismo, al fine di creare una rete di collaborazioni ed alleanze per la lotta agli stereotipi, ai pregiudizi e alle discriminazioni nei confronti di persone LGBTQI».

Dopo i saluti istituzionali, interverranno Emanuela Abbatecola (Sociologa Università di Genova/ AG-About Gender), Luisa Stagi (Sociologa Università di Genova/ AG-About Gender), Irene Biemmi (Pedagogista Università di Firenze), Rete Educare alle Differenze Pisa.

Emanuela Abbatecola, sociologa, insegna sociologia del lavoro e introduzione di studi di genere presso il Disfor, Università di Genova. Co-fondatrice e direttora della rivista AG–AboutGender, International Journal on Gender Studies (www.aboutgender.unige.it). Co-fondatrice della sezione Studi di Genere dell’Associazione Italiana di Sociologia. Componente del Laboratorio di Sociologia visuale. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la discriminazione e il sessismo nel mercato del lavoro, e il sex trafficking delle migranti.

Luisa Stagi è ricercatrice presso il DISFOR, dipartimento dell’Università degli studi di Genova, dove insegna Sociologia generale nel Corso di laurea di Scienze e tecniche psicologiche. Il percorso di studi sui generi, oltre a diverse ricerche e pubblicazioni, ha portato alla co- fondazione del laboratorio universitario interdipartimentale AG-About Gender e dell’omonima rivista (AG- Rivista internazionale sugli studi di genere) di cui è co-direttrice. Il lavoro sul genere si è anche caratterizzato per l’attenzione alle dimensioni dell’orientamento sessuale e, più in generale, della sessualità, grazie soprattutto alla partecipazione dal 2007 al centro di ricerca CIRS.

Irene Biemmi, ricercatrice pedagogica e formatrice, esperta di Pedagogia di genere e delle pari opportunità, tiene corsi di formazione per sensibilizzare il mondo della scuola ai temi legati alla costruzione dell’identità femminile e maschile.