Polo Nautico, anche il Circolo Caprili dice no al frazionamento: “E’un bene pubblico”

0

VIAREGGIO – Dopo il sostegno all’ampliamento delle spiagge libere ( leggi anche:Spiagge libere, il Circolo Caprili: “Il diritto di fruire del mare … ), il circolo Caprili di Rifondazione Comunista, coerente con le problematiche che affliggono il nostro territorio sulle tematiche dei beni Comuni, esprime la propria contrarietà al frazionamento del polo nautico per oscuri interessi economici a favore dei soliti noti. “Un bene pubblico  – scrivono in una nota stampa – deve essere di utilità sociale e fonte di occupazione e lavoro per la città e di tutta la Versilia,privatizzandolo,o/e favorendo la speculazione, tutto questo graverà sui risvolti economici che andranno a ricadere nelle casse comunali con meno entrate e meno possibilità di garantire quei servizi ( sociale, cultura ,scuola ,ecc.)necessari alla cittadinanza. Ma al futuro dei lavoratori non ci pensano ? Lo sappiamo benissimo che favorendo il frazionamento delle concessioni,sarà a rischio produttività e occupazione, lo sanno anche chi dovrebbe garantire lavoro e interesse comune per un Bene pubblico, ma sia Regione,Provincia per non parlare del Comune, silenzio assoluto !!! Le concessione dal nostro punto di vista,in quanto beni comuni del territorio, le possiamo distinguere in pochi punti ma Essenziali : 1° Durata ovviamente limitata- 2° Ritiro in caso di inadempienze- 3° <Controllo sociale e pubblico sulla gestione-4°Utilità pubblica in termini di occupazione di qualità- 5° Ripristino del territorio alla fine della concessione”.

No comments

*