Poste Italiane in Versilia: è già caos a Pietrasanta, pacchi ammucchiati nei magazzini

0

PIETRASANTA –  Poste: è già caos. Sono bastati alcuni giorni per mandare in tilt il servizio a Pietrasanta. I timori di Massimo Mallegni e dei sindacati, Slc-Cgil e Uil Poste, si sono già manifestati. Nel magazzino sono presenti colonne di pacchi in disordine che attendono di essere recapitati ai loro destinatari e con l’arrivo delle festività ed il sovraccarico di pacchi e regali, molti dei quali destinati sotto l’albero, il servizio a recapito a giorni alterni rischia di produrre imbarazzanti disagi e ritardi. Ma a preoccupare sono anche i dipendenti di Poste Italiane che rischiano di essere lasciati a casa. Si parla di una quindicina di postini in esubero. “Poste Italiane ha scelto il periodo peggiore per tagliare il servizio a Pietrasanta, Forte dei Marmi, Seravezza e Stazzema, 47mila cittadini, e per far pesare sui cittadini il peso di una riorganizzazione che purtroppo prevede anche una riduzione del personale. C’è il forte rischio che i pacchi di Natale arrivino dopo le festività. Dove il taglio è già stato eseguito – spiega ancora il tre volte sindaco di Pietrasanta – ci sono stati problemi enormi con corrispondenze recapitate al destinatario in grave ritardo come raccomandante dell’Inps, avvisi di Equitalia che in questi giorni stanno arrivando a casa, telegrammi e bollette”. Per il vice coordinatore di Forza Italia “Poste Italiane deve rivedere il progetto di riorganizzazione che non può essere consumato sulla pelle dei cittadini. La Versilia paga l’assenza di un riferimento a livello nazionale. Il mio impegno sarà quello ora di portare all’attenzione dei rappresentanti in Parlamento di Forza Italia la situazione che i residenti stanno vivendo. Il taglio è troppo radicale e pesante”. Mallegni conferma la sua intenzione di raccogliere i casi di disservizi che danneggiano i cittadini per tradurli in una class action: “Invito nuovamente i cittadini a segnalarmi

No comments

*