Prevenzione oncologica, se ne parla a scuola: il progetto dei Lions

0

VIAREGGIO – Vanno a terminare in questi giorni le lezioni scolastiche e con esse termina anche, per quest’anno, l’attività Lions per e negli Istituti Scolastici versiliesi. Tra le varie iniziative del Club Viareggio Versilia Host, una delle più longeve e, forse, meglio riuscite, è il PROGETTO NAZIONALE DI INFORMAZIONE ONCOLOGIA denominato “MARTINA”.

IL PROGETTO MARTINA – “parliamo ai giovani dei tumori, lezioni contro il silenzio” – si prefigge lo scopo di suggerire ai giovani uno stile di vita corretto che possa ridurre in maniera significativa il rischio di ammalare di questa terribile malattia. Una malattia che, purtroppo, non è esclusiva delle persone adulte e anziane, ma spesso colpisce, e in maniera devastante, anche i giovani.

I Lions, naturalmente in accordo con i Docenti degli istituti, si recano nelle classi a tenere conferenze su questo delicatissimo, e troppo trascurato, tema.

Il Progetto Martina ha alle spalle decenni di esperienza iniziando nell’oramai lontano anno scolastico 1999-2000 quando coinvolse oltre 3000 studenti. Oggi, su tutto il territorio nazionale, dopo aver siglato un accordo di collaborazione con la Federazione Nazionale degli Insegnanti e l’Associazione Italiana dei Genitori, è arrivato a coinvolgere l’incredibile numero di circa 100.000 studenti.

“I Lions mettono a disposizione” chiarisce il presidente del Lions Club Viareggio-Versilia Host, Luca Lunardini “risorse economiche ma anche e soprattutto le proprie competenze e professionalità. Medici aderenti al Club come i Dottori Antonio Pesola, Gioacchino Cancemi e Paolo Vaglio, da tempo tengono incontri sul tema della prevenzione oncologica in alcuni Istituti Superiori del nostro territorio. Il rapporto tra fumo di sigaretta, alimentazione e cancro, o tra le infezioni da HPV e cancro dell’utero, sono solo alcuni dei temi che hanno suscitato attenzione tra i nostri ragazzi.  Un attività che ha visto quest’anno coinvolte 8 classi della 4° superiore del liceo scientifico Barsanti e Matteucci e che vorremmo estendere l’anno prossimo, anche ad altri istituti versiliesi”

No comments

*