Primo Maggio, la Versilia si ritrova a Seravezza nel nome della sicurezza sul lavoro

SERAVEZZA – Sicurezza: il cuore del lavoro è il tema scelto dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil per celebrare quest’anno la giornata del Primo Maggio, festa dei lavoratori. Come da lunga tradizione, si terrà a livello di Versilia Storica una cerimonia unitaria che interesserà i Comuni di Seravezza, Pietrasanta, Stazzema e Forte dei Marmi e che avrà luogo a Seravezza martedì mattina. Il concentramento delle autorità e dei cittadini sarà alle 9,30 in via Campana, davanti alla sede sindacale. Da lì, accompagnato dalla filarmonica di Riomagno, il corteo attraverserà il centro cittadino per raggiungere prima il Cro di Riomagno poi il monumento ai caduti sul lavoro e il cippo dedicato a Vasco Zappelli, dove saranno deposte due corone d’alloro. La manifestazione si chiuderà in piazza Carducci con il saluto delle autorità comunali della Versilia Storica e il comizio tenuto a nome della triplice sindacale da Fabrizio Simonetti, segretario organizzativo della Cgil di Lucca. La presidenza del consiglio comunale di Seravezza invita la cittadinanza della Versilia a una folta partecipazione. “Le celebrazioni del Primo Maggio riportano quest’anno al centro dell’attenzione il drammatico fenomeno degli infortuni e delle cosiddette morti bianche, sottolineando giustamente come il tema della sicurezza sia fondamentale per il mondo del lavoro – dichiara il presidente Riccardo Biagi – Meno di un mese fa, proprio a Seravezza, la Regione Toscana ha presentato i risultati del piano straordinario per la sicurezza nelle cave avviato lo scorso anno nel distretto lapideo apuo-versiliese. Se da una parte è emerso che negli ultimi dieci anni gli infortuni in cava sono complessivamente diminuiti, sappiamo anche, però, che sono aumentati quelli mortali, dieci dei quali avvenuti tra il 2006 e il 2016 proprio nelle cave delle Apuane. Segno che il livello di sicurezza ideale è ancora lontano da raggiungere e che molto c’è ancora da fare sia a livello di prevenzione che di controllo. La giornata del Primo Maggio ci offrirà un’occasione per riflettere e confrontarci su questi temi”.