“Primo obiettivo, il ripristino della legalità”

0

VIAREGGIO – “!L’intero Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini ed i tanti amici a noi vicini in questo scorcio delicato di inizio 2015 si riconoscono a pieno nella priorità indicata anche dal Commissario Valerio Massimo Romeo, quella del ripristino della legalità nell’azione amministrativa del nostro Comune”.

La nota stampa che pubblichiamo integralmente è a firma di Massimiliano Baldini:

“Non può che farci piacere che ad abbracciare quella bandiera del rispetto della legalità sulla quale ci battiamo da sempre e che da sempre abbiamo posto davanti a tutto nella nostra azione politica come in quella amministrativa, sia ora anche l’organo straordinario di governo che dimostra il piglio giusto per trasformare in atti concreti quanto i Revisori dei Conti, il Mef e la stessa Corte dei Conti vanno dicendo da parecchio tempo.
Anche perchè troppe volte in questi lunghi anni – “vox clamantis in deserto” – molti di noi si sono sentiti come “Don Chisciotte contro i mulini a vento”, quasi che il richiamo costante alle norme di legge, alle procedure, alle forme, fosse un’insopportabile ed inutile pedanteria che niente avesse a che vedere con la gestione politica della cosa pubblica.
Quante volte, gli sciocchi soloni di turno, forti magari dell’esercizio del potere e della inevitabile adulazione che umanamente ne consegue, hanno finito per imporre strampalate e dannose azioni amministrative che oggi i cittadini e la città sono costretti a pagare ?
Quante volte i partiti hanno preferito abbracciare le dinamiche del potere, le dinamiche delle poltrone, quelle del facile consenso, piuttosto che ascoltare le critiche, il richiamo al rispetto delle regole, piuttosto che dire no agli amici, dire non a chi conta dentro e fuori dal palazzo ?
E allora via alle partecipate, via alle operazioni finanziarie più fantasiose, agli incarichi esterni inutili, al raddoppio dei costi per il Comune !
Guai se quella politica, se quei partiti, non si cospargessero il capo di cenere ammettendo le loro responsabilità e cambiando radicalmente uomini e metodi destinati alla nuova stagione amministrativa di Viareggio !
Il continuo, instancabile, riferimento da parte del Commissario Romeo a locuzioni come “rispetto della legge”, “rispetto della legalità”, “rispetto della normativa del Testo Unico sul dissesto” non può che servire a far capire alla politica, ai partiti, alle liste civiche che a maggio prossimo (piaccia o non piaccia) torneranno democraticamente a guidare la città, che deve essere il rigore nell’applicazione delle regole di buona amministrazione la bussola della futura classe dirigente viareggina.
Quanto abbiamo ascoltato dalla viva voce di Romeo in questi giorni non ci meraviglia tanto nella dimensione ma nel fatto che sia stato tollerato e permesso per così tanto tempo senza che nessuno fra coloro che gestivano il potere si facesse qualche scrupolo, qualche domanda.
La deriva politico-amministrativa degli ultimi quindici-venti anni ha schiacciato questa città sotto il peso di un debito enorme ma, peggio ancora, l’ha resa supina nell’accettazione di certe pratiche amministrative illegittime ed illegali che il Mef e la Corte dei Conti hanno snocciolato a più riprese dal 2006 ad oggi.
Questo “cancro” va debellato, la legalità ed il rispetto assoluto della legge deve tornare ad essere il principio ispiratore di chi amministra la cosa pubblica, le persone che hanno sbagliato si facciano da parte spontaneamente perchè non è più tempo di finanza creativa ma è tempo di legalità e di rigore assoluto!”.

No comments

*