Principino, fumata bianca e sciopero sospeso dopo l’incontro in Prefettura

0

VIAREGGIO – L’accordo soddisfa entrambe le parti: fumata bianca e sciopero sospeso per il personale della Viareggio Congressi. Continua intanto, il percorso volto a perfezionare il passaggio di un terzo dei lavoratori della Viareggio Patrimonio a Mo.Ver S.p.A.
Si è tenuto questa mattina in Prefettura, l’incontro convocato dal prefetto Giovanna Cagliostro e presieduto dal capo di Gabinetto Sabatina Antonelli, al quale hanno partecipato l’assessore con delega al personale Valter Alberici, il curatore fallimentare della Viareggio Patrimonio Donato Bellomo, il liquidatore della Viareggio Patrimonio Marco Marchi, una rappresentanza sindacale, Massimiliano Bindocci e Michele Massari per la Cgil e Pietro Casciani per la Uil, le Rsu della Patrimonio e i lavoratori del Principino.
Sul tavolo la questione dei lavoratori sia della Viareggio Patrimonio che della Versilia Congressi. Dopo tre ore di intensa discussione si è arrivati a un accordo per entrambe le vertenze.
Viareggio Patrimonio:
Nel corso dei precedenti incontri l’Amministrazione comunale ha evidenziato i vari passaggi dell’iter che consentirà la migrazione dei servizi erogati dalla Viareggio Patrimonio, verso Mo.Ver spa, confermando l’obiettivo della salvaguardia di tutti i dipendenti attualmente occupati.
L’accordo di oggi conclude una fase delicata della vertenza. Ora si apre la fase contrattuale: il Comune insieme a Mo.Ver e al curatore dovranno definire un piano economico finanziario sostenibile per l’assorbimento dei 21 lavoratori.
Una volta ultimata la prima fase prettamente tecnica, si aprirà il confronto istituzionale tra il curatore e le organizzazioni sindacali, come sempre sotto l’egida dell’Amministrazione, per definire i passaggi previsti a livello contrattuale.
Continua, ovviamente, il lavoro per l’assorbimento dei 42 dipendenti rimasti.
Viareggio Congressi:
E’ apparso chiaro che la volontà sia dell’Amministrazione che del curatore della Viareggio Patrimonio, sia quella di mantenere in vita l’attività congressistica e balneare della Versilia Congressi. Entrambi si attiveranno presso il curatore fallimentare del Principino, che verrà nominato a breve, affinché nella scelta dell’assegnatario temporaneo della concessione sia determinante la volontà di quest’ultimo di mantenere inalterati i livelli di occupazione.
Con l’assegnazione definitiva invece, visto che tale possibilità non è prevista dalla legge, sarà l’Amministrazione che darà il proprio contributo affinché si tenga conto delle professionalità acquisite e della ricaduta occupazionale.
L’Amministrazione ringrazia sia il pretto Cagliostro che il capo di Gabinetto Antonelli, per il prezioso lavoro di coordinamento svolto al tavolo della trattativa.

«Una trattativa – commenta l’assessore con delega al personale Valter Alberici – che mette in evidenza il fatto che l’Amministrazione è vicina ai lavoratori ed è sempre disponibile a trovare soluzioni condivise che portino alla ricollocazione di tutti i dipendenti coinvolti».
«Un lavoro meticoloso che è partito da una situazione non certo facile – continua -, tanto che nel corso dell’incontro in Prefettura si è preso atto dell’impegno dell’Amministrazione che si è sempre attenuta alla tempistica stabilita, di volta in volta, in maniera concorde. Nelle prossime settimane ci saranno nuovi incontri e un contatto continuo, sia con la curatela che con le Rsu e le sigle sindacali».
«Si riconferma che le soluzioni si trovano se al tavolo si resta nel merito della questione: le cose cambiano – conclude – quando si resta su posizioni pesantemente ipotecate da preconcetti politici che nulla hanno a che vedere con l’interesse dei lavoratori».

No comments

*