Rapinatori arrestati, il sindaco Neri si complimenta con i Carabinieri

0

QUERCETA – Nella serata di ieri, presso il Comando Stazione Carabinieri di Querceta, il Sindaco di Seravezza Ettore Neri ha incontrato i Carabinieri di Querceta, al comando del Luogotenente Luigi Lazzini, al fine di dimostrare la propria soddisfazione per la rapida ed incisiva attività d’indagine che ha consentito di assicurazione alla giustizia gli autori della cruenta rapina perpetrata nella notte tra il 7 e l’8 marzo ai danni di un cittadino di Querceta. La brillante attività d’indagine, oltre all’arresto dei 3 cittadini rumeni e al recupero della refurtiva, ha permesso di accertare che gli arrestati si erano resi responsabili anche di altri colpi messi a segno anche nei Comuni vicini. Infatti a seguito della perquisizione eseguita nell’abitazione dei tre rapinatori sono state rinvenute una chiave di una macchina di grossa cilindrata ed il navigatore di una Ferrari, tutti oggetti che è stato appurato essere stati trafugati durante un furto commesso tra il 16 e il 25 marzo in una villa di Lido di Camaiore .
Sempre nell’ambito della medesima attività d’indagine è  stata denunciata per favoreggiamento reale e personale la convivente di uno dei tre rapinatori che ha inutilmente cercato di sviare le indagini condotte nei confronti del suo compagno e dei suoi due complici. Infine sono stati denunciati in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un cittadino rumeno ed un italiano poiché ritenuti responsabili del reato di ricettazione. Infatti il primo aveva acquistato per 70 euro il telefono cellulare rubato durante la rapina, mentre l’italiano per 350 euro aveva comprato il rolex, anche questo di proprietà della vittima della rapina.

unnamedIl sindaco nel complimentarsi con i militari ha ribadito come continui a risultare fondamentale la sinergia tra Carabinieri, cittadini ed Istituzioni locali. Lo stesso Luogotente Lazzini ha precisato che alla risoluzione di questo caso hanno contribuito le segnalazioni pervenute ai militari dell’Arma nell’ambito del protocollo di “controllo del vicinato”. Infatti nei giorni precedenti alla rapina erano stati segnalati movimenti sospetti di alcuni soggetti che utilizzavano un’autovettura sportiva di grossa cilindrata. Proprio il rintraccio della vettura permetteva di risalire al gruppo criminale che effettivamente utilizzava l’auto durante i raid notturni.

No comments

*

Raffaelli… for ever

VIAREGGIO – “Continuiamo ad assistere allibiti alla battaglia da parte del sindaco e del vicesindaco sul caso del dirigente Riccardo Raffaelli che secondo l’Inps può ...