Record di arresti, due volte in un giorno

0

LIDO DI CAMAIORE – Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri di Lido di Camaiore hanno arrestato in flagranza di reato Alberto Lucchesi, 55enne di Camaiore, poiché ritenuto responsabile del reato di evasione. In particolare i militari, durante un servizio di perlustrazione del territorio, sorprendevano  l’uomo nei pressi di un bar di Lido di Camaiore mentre, visibilmente alterato a causa dell’abuso di alcool, stava importunando pesantemente gli avventori. I militari riportavano quindi alla calma il Lucchesi con non poche difficoltà e immediatamente dopo accertavano che lo stesso si era allontanano senza autorizzazione dalla propria abitazione ove stava scontando una pena agli arresti domiciliari. Infatti il 55enne il 7 febbraio scorso era stato arrestato dai Carabinieri di Camaiore in esecuzione dell’Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucca dovendo espiare la pena definitiva di 2 mesi di reclusione poiché riconosciuto colpevole dei reati di guida in stato di ebbrezza e guida senza patente commessi a Camaiore nell’agosto del 2008.
Il Lucchesi veniva quindi tratto in arresto e, dopo le incombenze di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari. Poche ore dopo il primo arresto l’uomo è stato nuovamente arrestato dai Carabinieri di Camaiore per il reato di violenza, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Infatti, a seguito di una richiesta di intervento giunta ai Carabinieri di Camaiore, la pattuglia si è recata a Nocchi, presso l’abitazione del Lucchesi ove lo stesso, in evidente stato di agitazione, probabilmente nuovamente dovuto all’assunzione di alcool, stava danneggiando mobili, oggetti vari e diverse bottiglie di vetro, nonché stava tentando di aggredire un familiare convivente. Intervenuti sul posto i Carabinieri hanno cercato di far calmare il soggetto che per tutta risposta ha aggredito verbalmente e fisicamente i militari operanti che con molta fatica sono riusciti a bloccarlo e a condurlo presso il Comando Stazione per le incombenze di rito. Il Lucchesiè stato così trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Stazione di Viareggio in attesa del rito direttissimo di questa mattina presso il Tribunale di Lucca.

No comments

*