Resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale: arrestato

0

VIAREGGIO – Nella mattinata di ieri, gli uomini del Commissariato di Viareggio, hanno tratto in arresto M.H., tunisino di 41 anni irregolare sul territorio nazionale con diversi precedenti per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti e l’immigrazione clandestina, per il reato di resistenza violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.
Alle prime ore del mattino di ieri gli agenti delle volanti sono intervenuti nei pressi della rotonda dei macelli dove personale del 118 stava medicando un cittadino extracomunitario per una ferita di arma da taglio ad un fianco.
Le condizioni dello straniero non apparivano disperate e successivamente è stato dimesso dal Pronto Soccorso con pochi giorni di prognosi.
Sono scattate le fitte indagini dei poliziotti che, con spiccato intuito investigativo ed attraverso la conoscenza del territorio e dei personaggi che vivono ai margini della società che lo popolano, sono riusciti a ricostruire l’accaduto:
Il cittadino extracomunitario ha fatto ritorno nella sua abitazione la sera precedente.
Durante la notte, due suoi connazionali, lo avrebbero accusato di aver fatto sparire del denaro custodito all’interno dell’appartamento.
Ne è nato un acceso diverbio culminato in una lite dove uno dei due accusatori ha accoltellato il presunto responsabile il quale, fuggito sanguinante dalla casa, ha vagato fino a perdere le forze e stramazzare al suolo dove poi lo hanno soccorso gli addetti del 118.
Non è stato semplice per gli investigatori districarsi agevolmente nel reticolo di omertà che circonda l’ambiente dei cittadini irregolari sul territorio ma la caparbietà, la perseveranza e l’esperienza messa in campo ha permesso di individuare i due responsabili mentre si aggiravano nei pressi di via Foscolo.
Due agenti in borghese si sono avvicinati per identificarli ma, come spesso purtroppo accade, l’intolleranza ai controlli della polizia di questi soggetti li spinge a reazioni violente.
Uno dei due, quello poi arrestato, ha sferrato una violenta testata al volto di uno degli agenti e mentre l’altro poliziotto lo bloccava il secondo straniero riusciva a fuggire.
La perdita copiosa di sangue al naso non ha impedito, all’operatore della sicurezza, di dare man forte al collega per assicurare alle manette l’esagitato clandestino.
Al pronto soccorso, all’agente ferito, è stata diagnosticata una lesione al naso giudicata guaribile in 15 giorni salvo complicazioni.

M.H. sarà processato per i reati sopra descritti.
Sono, invece, in corso le ricerche dell’altro straniero e gli ulteriori accertamenti circa l’uso dell’immobile utilizzato a rifugio dei clandestini a carico dei quali saranno adottati i dovuti provvedimenti volti alla loro espulsione dallo Stato.

No comments

*