Riapre il Principino, Bindocci: “Un’occasione per Viareggio, ma gli ex dipendenti licenziati meriterebbero una targa”

VIAREGGIO – “In merito alla riapertura del Centro Congressi Principino si fa presente che rappresenta un’opportunità di sviluppo per il turismo viareggino da non sottovalutare”. Lo afferma Massimiliano Bindocci di Uilcom. “La congressistica, anche se una struttura di queste dimensioni, non può bastare a dare un risposta ad una esigenza turistica di questo tipo, può essere in futuro un volano di sviluppo utile a superare parzialmente la stagionalità, questo se la Versilia riuscirà a fare una politica turistica di promozione adeguata. Non si può non ricordare la fine tristissima della vecchia realtà, e il licenziamento dei dipendenti della vecchia partecipata al 100% dal Comune che ivi operava, senza pagare né preavviso né Tfr. Circa 10 persone che non sono state inserite in nessun percorso di mobilità tra partecipate, e che sono praticamente le uniche persone ad aver pagato il dissesto e la gestione che ne è stata fatta.Forse per non dimenticare, i loro posti di lavoro meriterebbero una targa. A partire dalle politiche di gestione della passeggiata, su cui ribadiamo il ragionamento per cui deve essere evitata ogni forma di sub affitto, confidiamo che con la riapertura di questa struttura si inauguri una stagione di rilancio del lungomare con una politica di concertazione con le parti sociali che deve essere recuperata come metodo. Perché le risorse del territorio, devono creare ricchezza da redistribuire sopratutto se insistono su concessioni pubbliche”.