Dondolini: “Rispetto e valorizzazione reciproca per un centrodestra unito e vincente”

VIAREGGIO – Il centrodestra unito vince. Anche dove non vinceva da anni, anche dove sembrava quasi fuori da ogni ipotesi logica che riuscisse farlo, come qui in Toscana.

Proprio nella mia regione e nella mia città, Viareggio, nei due anni da vice coordinatore e in questi primi mesi da coordinatore di Forza Italia ho potuto conoscere meglio e spesso condividere idee e percorsi con Maurizio Marchetti, coordinatore provinciale di Lucca e capogruppo in consiglio regionale; Stefano Mugnai, coordinatore regionale e neo Deputato; Massimo Mallegni, vice coordinatore regionale vicario e neo Senatore; Deborah Bergamini, rieletta alla Camera dei Deputati alle politiche del 4 marzo. Persone che, nonostante i mille impegni quotidiani, mai hanno accantonato la voglia di ascoltare e confrontarsi con le voci più disparate di qualsiasi territorio abbia richiesto la loro presenza. E l’hanno fatto sempre con grande serietà, preparazione e rispetto.

Di questo credo che oggi abbia bisogno il centrodestra unito: rispetto, per tutte le sue componenti. Quello stesso rispetto che Forza Italia mai ha negato o anche solo messo in dubbio verso i suoi alleati quando era “l’azionista di maggioranza” della coalizione. Perché ai cittadini non interessa la rivalsa fra tre forze politiche o le presunte “operazioni d’acquisto” lanciate al termine di ogni tornata elettorale. Hanno bisogno, invece, del buon governo e della presenza sul territorio che solo quelle tre forze politiche sanno garantire insieme, ognuna per il contributo di storia, valori e identità che porta con sé.

Forza Italia ha grandi energie positive da offrire al Paese e alla Toscana in particolare: energie che, come ha sottolineato pochi giorni fa proprio Deborah Bergamini, devono senz’altro aggiornarsi e adeguarsi ad un mondo profondamente mutato negli ultimi anni. Ma che esistono, sono uniche nella loro specificità e come tali devono essere rispettate e riconosciute all’interno di ogni coalizione, in un percorso di reciproca valorizzazione.

Fra meno di due anni Viareggio e la Toscana saranno di nuovo chiamate al voto: il mio auspicio è che il centrodestra unito sappia proporre agli elettori quella sintesi di parole, idee e programmi necessaria a proseguire sulla strada che ha colorato d’azzurro i Comuni di Massa, Pisa, Siena, Arezzo e Pietrasanta. Forza Italia – e il sottoscritto – sono già al lavoro e continueranno a impegnarsi per questo obiettivo.

dondolini