Ruba all’Oviesse: inseguito e preso

0

VIAREGGIO –  Come sempre, la Polizia c’è. L’impianto di sicurezza predisposto per la stagione estiva dal Commissariato di Viareggio diretto da Rosaria Gallucci, rivolto a contrastare i fenomeni di microcriminalità, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio e inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, continua a produrre i suoi positivi effetti.

Nel pomeriggio di ieri un dipendente del negozio “OVS” di viale  Manin a Viareggio, richiede l’intervento di una pattuglia della Squadra Volante perché ha notato un individuo che, da più di un’ora, si aggira per il negozio con fare sospetto. Gli agenti intervenuti individuano il soggetto e, mentre lo accompagnano all’esterno per il controllo, questi, con mossa repentina, spintona l’agente di polizia e si dà a precipitosa fuga sulla passeggiata a mare. I poliziotti si mettono all’inseguimento e, dopo poche centinaia di metri, lo raggiungono e lo bloccano. Per Ehoni Merher, tunisino del 1985, irregolare sul territorio nazionale, che, durante la fuga, aveva gettato a terra una borsa al cui interno venivano rinvenuti un paio di jeans rubati all’OVS pochi minuti prima, un telefono cellulare,  un orologio ed un coltello lungo 20 centimetri, scattano quindi le manette ai polsi.  Dagli accertamenti svolti si riesce a stabilire che il borsello con il telefono e l’orologio erano stati rubati ad un turista sulla spiaggia  di Viareggio. Inoltre  il ladro, pregiudicato e più volte arrestato e denunciato per reati contro il patrimonio e contro la persona, dopo essere stato scarcerato lo scorso 11 luglio, aveva in carico un obbligo di dimora nel comune di Pisa. Pertanto lo stesso è stato arrestato per furto aggravato, resistenza a Pubblico Ufficiale, ricettazione, inosservanza della legge sugli stranieri, inosservanza alle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria e porto abusivo d’arma e in mattinata è stato processato per direttissima presso il Tribunale di Lucca.

 

No comments

*