Sabato 5 agosto arrivano in Versiliana gli Urban Strangers

0

MARINA DI PIETRASANTA – “In questo album  – raccontano Gennaro Raia e Alessio Iodice – abbiamo cercato di unire tutte le influenze che abbiamo acquisito dal primo EP a oggi sotto molteplici aspetti. Da un punto di vista musicale ci siamo avvalsi delle collaborazioni di Raffaele – Rufus – Ferrante che ha permesso si creasse un differente sound, e grazie anche alla libertà creativa che ci è stata lasciata da Sony Music e da Casa Lavica, abbiamo potuto mostrare a pieno le nostre idee musicali e la nostra tendenza a sperimentare”. (biglietti da 15 a 30 euro Info 0584 265757 www.versilianafestival.it)

Dopo la pubblicazione dell’album, gli URBAN STRANGERS sono tornati in radio il 3 marzo scorso con il nuovo singolo “Stronger”. “Stonger, affronta la tematica della solitudine, presente un po’ in tutto l’album. Nell’inciso è accentuata la voglia di affrontare questo stato d’animo a differenza delle strofe e della variazione, caratterizzate invece dalla disillusione, presente sia nel testo che nella melodia”.

Stronger, nuovo estratto da Detachment rappresenta a pieno il concept di questo nuovo lavoro: “Il tema fondamentale dell’album è appunto il ‘distacco’, un distacco fisico e psicologico, sensazione costante in quest’ultimo anno. La paura di non sapere veramente chi si è, la difficoltà ad accettare la realtà, il non riuscire a creare veri e propri legami perché costretti puntualmente ad allontanarsi obbligandosi poi a stare soli. Lo si evince dai testi, nei quali è sempre presente un’introspezione alla vita e alla nostra condizione attuale analizzandola da diversi punti di vista. Il disco ci ha aiutato, e noi abbiamo aiutato lui.

“Detachment” è un album raffinato, ricercato, dalle sonorità elettroniche mai scontate, ma al contempo suonato a tutto tondo da chitarre, batteria, organo, archi e fiati che lo rendono un album difficilmente catalogabile, inaspettato e imprevedibile. “Detachment” è dedicato al distacco, ma in realtà ha il potere di fare riconnettere l’ascoltatore a se stesso con melodie intense e coinvolgenti. Con questo lavoro, Gli Urban Strangers confermano il loro talento cantautorale, avendo firmato tutti e dodici i brani.

Dal Vivo gli Urban Strangers presenteranno al pubblico la nuova formazione live che comprende, oltre a Gennaro Raia e Alessio Iodice, anche Giuseppe Conte (in arte Pleiam) e Raffaele “Rufus” Ferrante.

BIOGRAFIA:

Il nome nasce dall’accostamento di due termini in antitesi tra loro frutto delle diversità di carattere (in alcuni casi vere opposizioni) dei due componenti. Il nome “Urban Stranger” inoltre è anche il titolo di uno dei brani composti dal duo, ispirato dalla storia di un senzatetto, per l’appunto definito uno “straniero urbano”. Scopo del progetto è quello di fondere differenti generi musicali come pop, rap, rock e soul cercando elementi comuni e sintetizzandoli in un flusso unico. Il risultato è un armonico e sottile cantautorato in lingua inglese. Tra il 2012 e il 2013 il duo inizia ad esibirsi in diversi locali e successivamente comincia la produzione artistica con l’etichetta Casa Lavica records per la realizzazione di un EP di brani inediti. Successivamente, dopo la partecipazione a X-Factor 2015 ed aver ottenuto il secondo posto, c’è la pubblicazione con Sony dell’album “Runaway” contenente: l’inedito “Runaway”, prodotto da Raffaele Ferrante (Rufus); 3 cover e i 6 brani dell’EP precedentemente registrato riuscendo a conseguire un “disco d’oro” e “singolo di platino”. Dopo aver partecipato ad eventi come i “WMA” ed essere stati ospiti a programmi come “Che tempo che fa” di Fabio Fazio inizia il lavoro per il primo album composto da soli inediti, prodotto da Casa Lavica Records e Urban Strangers, affidando completamente gli arrangiamenti a Raffaele Ferrante (Rufus).

I biglietti sono in vendita on line e in tutti i punti vendita Ticketone e presso il botteghino della Versiliana (viale Morin, 16 – Marina di Pietrasanta) aperto tutti i giorni con orario 10.00 – 13.00 e 17.00-22.30. Tel 0584 265757 www.versilianafestival.it).

No comments

*