Salute mentale carente: in rete video clips contro i “matti”, scatta la denuncia

0

PIETRASANTA – I  locali del Centro di Salute Mentale di Pietrasanta non sono ancora stati restituiti alle loro attività e  l’aver ridotto i programmi e gli spazi a disposizione per così tanti  mesi (dal marzo 2013, come si ricorderà, le attività riabilitative sono stati trasferite fino al dicembre a Camaiore, e attualmente sono svolte in un corridoio dell’ex ospedale Lucchesi) ha determinato un notevole danno alla operatività del servizio, che si è riflessa pesantemente sui pazienti assistiti, sulla loro salute e sui loro familiari.

“La nostra Associazione Familiari Salute Mentale Versilia aveva accolto con grande favore il progetto del dottor Brunero Baldacchini di creare nelle colonie Laveno, di viale Apua, attività e spazi per il centro di salute mentale, la Comunità Terapeutica, con  laboratori per la riabilitazione e quegli appartamenti supportati (che le Amministrazioni Comunali del Nord Versilia non hanno finora fatto decollare). Ma adesso  abbiamo appreso dalla stampa  la ASL ha messo in vendita la colonia – si legge nella nota a firma della presidente dottoressa Ada Colapaoli.
Il mancato sostegno alla Salute Mentale ha ricadute non solo sulle famiglie. E’ tutta la società che ne risente. E l’appello accorato di Ada Colapaoli  all’amministrazione comunale.
In rete, su You Tube e Facebook,  sono  comparsi “strani” segnali del diffondersi di una cultura irrispettosa della malattia mentale. A titolo di esempio ci sono numersosi video clips della  serie “I Matti di Pietrasanta. Video ( questo uno dei tanti: Pentoletta ) che sono pieni di derisione per persone con evidenti deficit e problemi, per i quali un noto avvocato ha presentato denuncia ai Carabinieri e le  indagini  dell’Arma  hanno portato a identificare alcuni ragazzi che in questo triste passatempo si divertono a schernire persone indifese e vulnerabili.

No comments

*