Santini: “Betti, non uccidete il Carnevale”

0

VIAREGGIO – “Avvilente, disarmante ed offensivo l’atteggiamento ondivago e menefreghista dell’Amministrazione Betti”

Duro sfogo, quello di oggi e che pubblichiamo integralmente,  del consigliere di Forza Italia Alessandro Santini: “Ma pensavate voi tutti di risolvere qualche cosa con l’approvazione della mozione? Noi tutti abbiamo creduto per qualche minuto di aver approvato un importantissimo atto politico di indirizzo per questa Giunta e per questo Sindaco che brancola bendato nel buio dei corridoi del Municipio incapace di fare e di decidere.
Noi tutti consiglieri abbiamo creduto di aver dato un segnale forte, da destra e sinistra, uniti e compatti, per salvare il nostro Carnevale.
Abbiamo creduto, ma solo per pochi secondi, di avere a che fare con persone serie che, una volta approvata la mozione ne tenessero conto ed invece a stamani e’ già carta straccia. L’Assessore alle Finanze, mi perdoni perché non gliene faccio una colpa personale, ma e’ una grave colpa politica, non ama il Carnevale, non lo conosce e non può quindi percepire la vibrazione che genera dentro ogni Carnevalaro il veder sfilare i Carri.
Ma noi non vogliamo obbligare Bertoli ad amare qualcosa che lui non sente suo, ma semplicemente vogliamo e pretendiamo che Betti rispetti gli impegni e le promesse, che le faccia rispettare ai suoi Assessori, rispetti ciò che dice pubblicamente in Consiglio Comunale, che rispetti i suoi Consiglieri Comunali. Se non vuole rispettare me o l’opposizione almeno Betti porti rispetto ai Consiglieri della sua maggioranza che all’unanimità gli hanno consegnato un mandato politico importante con la mozione sul Carnevale: ovvero salvarlo con gli impegni economici che lui stesso ha sempre promesso. Anche se Betti ha avuto il coraggio di dire pubblicamente di non aver MAI promesso il milione e 400 mila euro. Betti, per favore, chiedi gentilmente e cortesemente al tuo Assessore alle Finanze di non ammazzare il Carnevale di Viareggio, anzi chiedigli per favore di non occuparsene proprio. Un Assessore alle Finanze di Viareggio NON può credere davvero che il Carnevale si può reggere con i soli incassi della biglietteria: e’ una vera e colossale bestialità che può dire solo chi non sa niente della nostra manifestazione. Affermare ciò e’ come bestemmiare in chiesa. Ma perché Bertoli non mette tutta questa stessa energia, che spreca per il Carnevale, per seguire i conti del Pucciniano? Perché Pasquinucci viene strapazzato così indegnamente dalla Giunta Betti mentre la Presidente del Pucciniano può fare e disfare ciò che vuole? Pasquinucci e’ un puro e fuori dai giochi sporchi della politica, anzi non ha proprio una protezione politica ma e’ apprezzato unitariamente da destra e sinistra per il coraggio che dimostra nel gestire questa tragedia. La Mazza e’ invece molto vicina al Ministro Dario Franceschini quindi guai a chi la tocca o la contraddice.
Ma una Città come Viareggio non si amministra così, non si promette un finanziamento vitale e il giorno dopo si afferma che il Carnevale deve camminare solo sulle sue gambe senza riconoscergli valore e senza tener conto della sua storia centenaria. Posso comprendere perfettamente Pasquinucci in questi gravi momenti. Solo chi, come me, ha ricoperto quel ruolo, capisce cosa si provi a dover gestire la Fondazione ed essere il Custode del Carnevale. Capisco il suo stato d’animo e la sua triste sofferenza. Stefano ha ragione quando afferma: “non si sa cosa abbiano in testa questi amministratori”. Coriandoli sicuramente no, “segatura”  sarebbe una battuta scontata. Purtroppo delle cose che più si può comprendere e riconoscere da parte di tutti in modo bipartisan e’ che a questo Sindaco e a questa Giunta manca una cosa sola: il coraggio. Il coraggio di dire la verità, il coraggio di prendersi responsabilità, il coraggio di mantenere gli impegni e le promesse, il coraggio di amministrare e gestire la cosa pubblica, il coraggio di difendere il Carnevale, il coraggio di proteggere gli uomini che fanno il Carnevale, il Coraggio di mantener fede ad un contratto pubblico, il Coraggio di essere per una volta Viareggino vero. Stefano, tu oggi hai più coraggio di tutti loro messi insieme. Resisti!”.

No comments

*