Santini (FI) attacca Del Ghingaro: “ma il porta a porta lo paghi te?”

0

VIAREGGIO – Si infiamma la campagna elettorale a Viareggio. Dopo gli attacchi a Poletti, che risponderà con querele, arriva quello di Alessandro Santini per Giorgio Del Ghingaro, il “mago dei rifuti”, che ha promesso l’estensione del servizio di porta a porta su tutto il territorio comunale.

“Come sempre si assiste alla solita campagna elettorale dove il candidato a Sindaco di turno vuole apparire come il Salvatore della Patria che promette l’Eldorado. Questa volta tocca a Del Ghingaro Da Capannori, mago dei rifiuti, a spararla grossa: promette l’estensione su Viareggio della raccolta rifiuti porta a porta come se fosse una cosa che si decide in giunta e dall’oggi al domani si può applicare dove si vuole – esordisce Santini – viene da domandarsi: ma Del Ghingaro Da Capannori, conosce la nostra Viareggio?”

“Intanto Capannori ha 45 mila abitanti mentre Viareggio 64 mila, quindi una certa differenza c e’ e lui dovrebbe saperlo, ma soprattutto il porta a porta e’ sì bello ed importante, ma quando funziona bene. E se invece non funzionasse? – si chiede – Ma soprattutto, e Del Ghingaro Da Capannori lo sa bene, il servizio porta a porta costa moltissimo, un’ ulteriore estensione del servizio quindi implicherebbe un aumento di spesa e questo aumento chi lo pagherebbe? Ma certo i viareggini con un ulteriore aumento delle tasse”. “Esattamente così: Del Ghingaro da Capannori, che ha la fissa per i rifiuti, chissà poi perché e ci piacerebbe scoprirlo, vuole farsi bello e riempirsi la bocca con i rifiuti di Viareggio, facendo però pagare i suoi sogni e progetti con i portafogli dei viareggini – affonda il probabile candidato sindaco di Forza Italia – Vuole estendere il porta a porta gravando sulle spalle dei viareggini che con le tasse pagheranno i sogni e progetti di Del Ghingaro da Capannori. Ma qualcuno lo ha avvertito che comunque il servizio porta a porta esiste già a Viareggio? Conosce i costi del servizio o no? Facile riempirsi la bocca con progetti ecologici e sogni di risoluzione di problemi annali, ma la questione resta lì: il costo del servizio che sarà pagato unicamente dai cittadini residenti e quindi non da Del Ghingaro Da Capannori”.


“Facile dare lezioni agli altri quando sono i viareggini a pagare – conclude Santini – Il porta a porta e’ bello a dirsi, a farlo in casa come se fosse un gioco di società, ma tutti gli Amministratori Pubblici sanno perfettamente che e’ la morte di un bilancio Comunale. Del Ghingaro Da Capannori, la prossima volta cerca di promettere qualcosa che non sia un costo per i viareggini, cerca di sognare qualcosa di meno dispendioso e che non significhi mettere le mani nel portafoglio degli abitanti di Viareggio, grazie!”

No comments

*