Santini vs Betti: “Una commissione di inchiesta? Cui prodest?”

0

VIAREGGIO – “Negli ultimi giorni di Pompei che restano a Betti, per sapere se resterà o meno a fare il sindaco della povera Viareggio, assistiamo ad un’ inusuale smania di fare e comunicare qualsiasi cosa possibile possa far sembrare e comprendere che è ancora il nostro primo cittadino e che ne avrebbe tutte le qualità”.

La nota stampa, che pubblichiamo integralmente, è di Alessandro Santini, consigliere di Forza Italia: Doti che, purtroppo per noi, non ha mai saputo dimostrare di avere fino a ieri, quindi impossibile per chiunque credere che sia stato dotato di tale capacità la notte scorsa, forse illuminato chissà da quale arcangelo che tentasse di illuminarlo. Un Sindaco poco incline e per niente capace a prendere decisioni e a dare ordini, non può essere oggi credibile nel suo fantomatico nobile intento di decidere e di volere costituire una “Commissione Speciale d’Indagine sul dissesto”. Ma che senso ha farlo ora? Che utilità può avere e che cosa potrà mai scoprire in più a ciò che già, con competenza e merito, studierà e cercherà, durante le proprie indagini, quelle si molto più serie, la Magistratura che si è mossa con la dichiarazione del Dissesto. Un’ inutile e sciocca iniziativa escogitata chissà da chi, non certamente da Betti che non avrebbe mai saputo partorire topolino peggiore. Non ci tiriamo comunque in dietro a questa che reputiamo lo stesso un’inutile ed insensata idea, troppo tardiva e già superata da chi realmente dovrà indagare sulle cause di questo dissesto, quindi parteciperemo ai lavori di tale Commissione.Ma poi ci sarebbe da capire: Betti sarà sempre sindaco e riuscirà ad indire il Consiglio Comunale che dovrà approvare l’istituzione di tale commissione? Betti vedrà la luce di tale brillante idea? Betti scoprirà, con tale commissione,  qualcosa che la magistratura non sarà capace di scovare? Forse Betti sa di qualche documento scottante e segreto celato chissà dove e che la magistratura non potrà mai trovare? Da qui sorge spontanea la domanda: “Cui prodest?” Caro Betti, per risanare Viareggio e per risolvere i problemi della città, servono ben altre azioni.
Se ti farà così tanto piacere e ci tieni tanto: ti approveremo questo tuo giochino, almeno anche tu riuscirai a dire che sei stato capace in qualcosa”.

No comments

*