“Scherzi di Carnevale”, i “grillini” e il loro no alle poltrone

0
VIAREGGIO – “Viareggio è universalmente nota per essere la città del Carnevale, lo dimostrano anche gli scherzi che qualcuno in questi giorni ha organizzato a spese della collettività. Il riferimento va alla decisione del Commissario della Fondazione Carnevale Pozzoli in relazione alla creazione di un “pool di esperti” ( leggi anche: Carnevale, nello staff nominato da Pozzoli anche l’ex …) nella gestione di una manifestazione particolarmente complessa, mantenendo allo stesso tempo tutto lo staff formato da persone che da anni ricoprono incarichi lautamente remunerati all’interno della Fondazione. Ci vengono in mente – a titolo puramente esemplificativo – i 95.000 euro lordi guadagnati dal Direttore Generale e Amministrativo (doppio incarico?) Marco Antonio Francesconi, insignito – tra l’altro – dalla massoneria. A chi pensa ancora che questa politica sia sana e seria, fatta per persone competenti e inserite nei vari compiti per le qualità, gli antipolitici “grillini” rispondono con fermezza: No!”.
La nota stampa, che pubblichiamo integrale, è a firma del Movimento Cinque Stelle che aggiunge: “Ribadiamo la nostra assoluta contrarietà a questa ennesima distrbuzione di poltrone – in questa particolare fase – a chi ha partecipato come candidato alla campagna elettorale, ancor più se facente parte della coalizione vincente della cosiddetta “sinistra”, che sta ancora partorendo scandali. Il riferimento è per Andrea Strambi, ex assessore al turismo, candidato del PD e addetto ai progetti e iniziative dell’UISP della Provincia di Lucca, ancora oggi uomo del PD viareggino (proposto da una delle tante correnti interne per la segreteria) e Federico La Ferla proprietario della Gelateria Orsi e responsabile Confcommercio per i pubblici esercizi di Viareggio, candidato anch’esso al Consiglio Comunale alle elezioni amministrative 2013, sempre con il PD. Se poi un Commissario necessita di tre sole persone per condurre in modo efficiente una manifestazione che fino a ieri ha visto schiere di uomini e donne e personalità varie presenti al suo interno, è la dimostrazione di quanto sia necessario rivedere in un futuro prossimo anche la “struttura” stessa della Fondazione Carnevale, riducendo poltrone e strapuntini. L’augurio è che la scelta dei soggetti sia stata condotta dalla solita politica – impegnata a spartire e distribuire – e non consigliata da quei carristi (pochi per fortuna!) politicizzati che, sicuramente, non farebbero il bene della manifestazione ma solo del proprio partito. Un metodo che non ci appartiene e non dovrà appartenere più a Viareggio!”.

No comments

*