Scuola: un gemellaggio della memoria per riflettere sulle tragedie della guerra

0

SERAVEZZA – Il 24 giugno 1944 nella località La Bettola di Vezzano sul Crostolo, in provincia di Reggio Emilia, trentadue persone vennero trucidate nel corso di una rappresaglia nazista. Pochi giorni dopo, nel mese di luglio, i soldati tedeschi, asserragliati sulla Linea Gotica, minarono e distrussero il paese di Ripa, nel comune di Seravezza. La mattina del 12 agosto 1944 a Sant’Anna di Stazzema si consumò uno dei più atroci crimini commessi dai nazi-fascisti ai danni della popolazione italiana. Di questi eventi si parlerà martedì 28 marzo dalle ore 15 alle ore 17 nell’auditorium dell’Istituto Comprensivo di Seravezza, quando gli alunni della classe IIIA della scuola media “E. Pea” incontreranno i coetanei delle classi IIIA e IIIB dell’IC di Quattro Castella-Vezzano sul Crostolo nell’ambito di un’iniziativa dedicata alla pedagogia della memoria. Nel corso del pomeriggio i ragazzi rifletteranno sulle vicende della seconda guerra mondiale nei rispettivi territori, approfondendo la conoscenza del proprio recente passato, nell’ottica della costruzione di una società di pace e di collaborazione tra i popoli. Alla manifestazione parteciperanno, assieme ai rappresentanti dell’ANPI e delle istituzioni locali, Liliana Delmonte Manfredi, superstite dell’eccidio della Bettola, e Federico Bertozzi, giovane ricercatore dell’ISREC-Lucca. Coordinerà l’iniziativa la professoressa Paola Lemmi.

«Questo particolare “gemellaggio” tra scuole, portato avanti attraverso la memoria delle stragi nazifasciste – evidenzia Riccardo Biagi, Presidente del Consiglio e incaricato alla Pubblica Istruzione – di fatto diviene un vero e proprio strumento di confronto e di scambio per i ragazzi. E’ importante, dunque, dare impulso a iniziative di questo tipo soprattutto per promuovere la riflessione e per mantenere vivi il ricordo e gli insegnamenti che, nonostante la distanza, sono più attuali che mai».

No comments

*