Scuole, Betti scrive a Rossi: “Chiedo impegno per sostenere i bimbi con handicapp”

0
VIAREGGIO – “Come ex Sindaco di Viareggio Ti scrivo perché, tu come pochi, hai compreso l’importanza strategica per la nostra Regione della mia città e del territorio versiliese, non soltanto da un punto di vista economico, ma anche da un punto di vista della tenuta e della coesione sociale che da sempre caratterizza la Toscana.”
Inizia così la lettera che l’ex sindaco di Viareggio, Leonardo Betti, ha inviato oggi al Governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi, dopo alcuni contatti telefonici avvenuti nei giorni scorsi.

“Come Tu ben sai, per averlo approfondito con coscienza e competenza, – prosegue l’ex sindaco – la città di Viareggio si trova di fronte al suo momento più difficile dal dopoguerra ad oggi ed il dissesto sta provocando lo smantellamento di quel welfare che faticosamente: il sistema educativo cittadino, caratterizzato da livelli di eccellenza notevoli, è il primo che risente in maniera devastante della situazione che si è venuta a creare.  Il rischio è che gli asili nido cittadini vengano ridimensionati e quasi azzerati prima che finisca l’anno scolastico; su questo tema io e la mia giunta avevamo predisposto una strategia in grado di limitare tali danni per continuare ad offrire un servizio agli utenti, già profondamente provati dalla condizione economica cittadina. Le tariffe ad oggi sono state alzate in modo massiccio secondo gli obblighi di legge e ancorché si fosse potuto farlo in maniera più equa, come da noi predisposto, con una maggiore diversificazione e proporzionalità rispetto alle fasce di reddito, il peso che devono sostenere i cittadini sarebbe comunque rimasto troppo oneroso, ancor più lo è ora.”

“Ma il mio più accorato appello va a Te – conclude l’ex sindaco -, affinché Tu possa promuovere un altro grande sforzo della nostra Regione per garantire il diritto ad un’adeguata assistenza ai bambini con handicap, dal momento che il Comune – a causa del dissesto – non potrà assumere personale a tempo determinato e per questo motivo non potrà essere loro garantita la basilare presenza di insegnanti di sostegno.  Sono certo che non mancherà la Tua attenzione a queste mie poche righe e rimango a tua completa disposizione, con i membri della mia giunta, per qualsiasi richiesta che tu ritenessi opportuna, derivante dal notevole approfondimento di conoscenza che avevamo iniziato con tecnici e uffici, senza purtroppo poter attuare tutte le eventuali iniziative pensate per la brusca interruzione della consiliatura.”

No comments

*