Seravezza approva il bilancio e la nuova convenzione tra comune e Fondazione Terre Medicee

0

SERAVEZZA – Nella seduta di ieri il Consiglio Comunale ha approvato un nutrito pacchetto di provvedimenti di ordine economico-finanziario al centro del quale si collocano il Bilancio di Previsione 2017 e il Documento Unico di Programmazione per il triennio 2017-2019. Confermando quanto già approvato a fine gennaio dalla giunta Tarabella, la manovra coglie l’obiettivo del pareggio di bilancio senza operare tagli ai servizi, ma con un’attenta politica di contenimento delle spese, di cautela verso le entrate aleatorie e di congrui accantonamenti. Il bilancio prevede anche una riduzione media del 5% della tassa rifiuti (il gettito previsto è di circa 3,2 milioni di euro a totale copertura dei costi, senza alcun taglio ai servizi ai cittadini), non contempla aumenti delle aliquote e delle tariffe dei servizi a domanda individuale (mense, colonie, impianti sportivi, trasporti scolastici, illuminazioni votive), razionalizza i costi di gestione dei servizi e prevede un’ulteriore stretta agli sprechi. Tra le molte voci di bilancio, gli stanziamenti per il sociale (circa 1 milione di euro) e per i servizi scolastici (circa 900 mila euro) testimoniano alcune precise scelte operate dall’Amministrazione Comunale. Approvato, come detto, anche il DUP 2017-2019, strumento di recentissima introduzione che racchiude per la prima volta le progettualità indicate nel programma di mandato che l’Amministrazione Comunale intende realizzare nel triennio, traducendole in cifre di bilancio e in tempi di realizzazione.

«Bilancio e DUP: due atti complessi e delicati che ci guideranno nei prossimi tre anni nell’amministrazione del territorio», commenta il primo cittadino. «Lavoreremo fin da subito per affinarli e migliorarli nella leggibilità, affinché ne escano ben chiari, così come già oggi appaiono, ma se possibile ancor meglio, gli obiettivi dichiarati in campagna elettorale: prevenzione, protezione e sicurezza; benessere dei cittadini; decoro, cultura e turismo come leve della crescita. Quello di Seravezza è un territorio dalle potenzialità enormi, per i contenuti storici, culturali ed economico-imprenditoriali che esprime, ma l’Ente, come si evince dal bilancio presentato, non ha disponibilità economiche illimitate. Pertanto, a conti tecnicamente perfetti – e lo sono – dobbiamo aggiungere passione, fiducia nel futuro ed energia positiva. Questo lo abbiamo tradotto in un piano economico-finanziario di grande apertura, di investimento, di crescita, che ci stimola a trovare le risorse necessarie a realizzare i nostri programmi. Anche il ricorso a un mutuo, che pure è stato criticato dalle forze di opposizione, va proprio in questa direzione, che è quella di non dare momenti di pausa alle attività di crescita del territorio, specialmente in un momento delicato come questo in cui si stanno riscrivendo le pianificazioni urbanistiche e in un anno che vede giungere a compimento le opere impostate dalla precedente amministrazione ed avviarsi quelle progettate dall’attuale. In tutto questo entra anche la Fondazione Terre Medicee, con un ruolo di crescente importanza quale motore culturale dell’ente e che sempre più, anche per le novità amministrative e contabili introdotte, è a fianco del Comune per la crescita culturale e attrattiva del territorio. Il Consiglio Comunale ha approvato ieri la nuova convenzione che regola i rapporti tra Fondazione e Comune nei prossimi cinque anni, corredata di piano economico e di linee guida di mandato che puntano all’attuazione del Distretto Culturale, elemento chiave delle politiche di promozione e valorizzazione del territorio seravezzino».

No comments

*