Sette avvisi di garanzia in Comune a Seravezza: l’indagine nata da una lettera anonima di un “corvo”

0

SERAVEZZA – Sette avvisi di garanzia per altrettanti dipendenti del Comune di Seravezza. L’accusa è quella di truffa ai danni dello Stato.  L’indagine dei Carabinieri, coordinata dalla Procura di Lucca, ha avuto inizio da una lettera anonima di un “corvo” che denunciava che gli impiegati avrebbero “gozzovigliato” in ufficio durante l’orario di lavoro.  “Conosco i dipendenti da quando mi sono insediato in Comune – queste le parole del Sindaco Riccardo Tarabella – e mai nessun cittadino si è lamentato”. L’avviso di garanzia, lo ricordiamo, non è ne’ una condanna nè una certezza di colpa. E’ un atto che dà modo agli indagati di poter prendere visione del fascicolo di inchiesta, presentare memorie difensive e chiedere di essere ascoltati dal Pubblico Ministero.  Prematuro, quindi, pensare a provvedimenti disciplinari, quali – estrema ratio – il licenziamento.

 

 

No comments

*