“Sono contrario al comune unico e lo ribadisco. La promozione turistica è affidata alla Regione”: Molino replica a Murzi

0

FORTE DEI MARMI – “Non avallo proprio un bel niente, se non nella fervida fantasia dei rappresentanti della lista Noi del Forte, che ancora una volta dimostrano la loro ignoranza in materia di amministrazione pubblica. Io sono contrario al comune unico e lo ribadisco per l’ennesima volta. Vediamo se adesso cercano altrove materiale per la loro propaganda elettorale, evitando magari di demonizzare l’avversario”.

Il vice sindaco Michele Molino replica fermamente alle nuove critiche dei rappresentanti della lista di Bruno Murzi. ” La promozione turistica -spiega Molino- è affidata  alla  Regione Toscana, pertanto la proposta approvata dal Consiglio comunale rientra in questo contesto  e necessariamente la materia viene gestita dall’Unione dei Comuni. Ci sono alcuni settori, quando si amministra, dai quali non si può prescindere e in merito ai quali non si può dire: faccio come mi pare”.

“Purtroppo – interviene il sindaco Umberto Buratti- abbiamo a che fare con candidati che non conoscono bene le normative che regolano la vita degli enti locali. La promozione turistica  è affidata  a Toscana Promozione e tutti i comuni sono tenuti ad inviare qui le loro proposte. L’osservatorio turistico di  destinazione, strumento necessario per ottenere finanziamenti per progetti con Toscana Promozione, è organizzato dall’Unione dei Comuni, perché più comuni condividono un progetto, più ci sono possibilità di ottenere  finanziamenti. Ormai, anche nel turismo ci si muove in area vasta.  Inoltre, da anni promuoviamo il pacchetto Versilia, dal mare ai monti, con  storia e tradizioni uniche, che forse il candidato Murzi farebbe bene a rileggersi. Un esempio per tutti: Michelangelo e la via della Marina. Un progetto portato a New York e condiviso con Pietrasanta, Seravezza e Stazzema.  La collaborazione e’ una cosa, la fusione un’altra. Ma la mancanza di conoscenza della normativa amministrativa, Murzi l’ha palesata apertamente nei giorni scorsi, con la proposta dei vigilantes privati a pattugliare il territorio. Anche in questo caso, lo informo che non si può fare. Per legge. Non perché lo dico io, che invece sto lavorando da tempo su una proposta di legge  affinché il corpo di polizia municipale abbia più uomini, attraverso risorse, come le sponsorizzazioni, da escludere dai vincoli dei costi del personale comunale. Perché è con innumerevoli norme e cavilli che gli amministratori pubblici si confrontano ogni giorno. Non siamo sceriffi e Forte dei Marmi non è il Far West”. 

No comments

*