Spaccia a Massarosa e fugge nei campi, inseguito e preso

0

Il dispositivo di sicurezza approntato dal Commissariato di Polizia di Viareggio al fine di contrastare i fenomeni di microcriminalità, con particolare riguardo ai furti, nonché arginare lo spaccio di sostanze stupefacenti, continua a produrre i suoi positivi effetti; infatti nella giornata di ieri, sono stati ottenuti i seguenti risultati

Said Jarmouni, nato in Marocco nel 1987, pregiudicato per reati inerenti gli stupefacenti e immigrazione clandestina, è stato arrestato da personale della Squadra Volante per detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Nella serata di ieri, in un campo incolto e fuori dal centro abitato di Massarosa, in  località Piano di Mommio, il personale della Squadra Volante lo ha sorpreso subito dopo aver ceduto una dose di cocaina ad una giovane ragazza, la quale ammetteva successivamente di averla acquistata per la somma di 40 euro. Gli agenti, supportati anche da un altro equipaggio, sono riusciti a bloccarlo, dopo un breve inseguimento nei campi. Da un sommario controllo veniva trovato in possesso, celati all’interno di una tasca dei pantaloni, di due dosi di bianca  e la somma di 40 euro, che venivano successivamente sottoposte a sequestro. La ragazza, una ventenne pietrasantina, N.S le sue iniziali, incensurata, è stata segnalata per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente Il cittadino straniero invece è stato processato per direttissima nella mattinata odierna presso il Tribunale di Lucca. Nel contempo saranno avviate le pratiche di espulsione dal Territorio Nazionale da parte del personale dell’Ufficio Immigrazione.

Anche per J.Z. nato in Marocco nel 1995 e in Italia senza fissa dimora, controllato sulla Terrazza della Repubblica, è scattata la segnalazione per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente in quanto trovato in possesso di 0,375 grammi di cocaina e 2,174 di hashish.

Per  J.Z sono state anche avviate le pratiche di espulsione dal Territorio Nazionale da parte del personale dell’Ufficio Immigrazione.

La sanzione amministrativa in cui sono incorsi i fermati comporta pesanti conseguenze quali:
a) sospensione della patente di guida o divieto di conseguirla;
b) sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
c) sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
d) sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario.
La legge prevede inoltre l’obbligo di seguire un programma terapeutico e socio-riabilitativo personalizzato in relazione alle proprie specifiche esigenze, predisposto dal servizio pubblico per le tossicodipendenze.

P.M. nato in Romania nel 1980, pregiudicato per reati di immigrazione clandestina e invasione di terreni e edifici, nella mattinata di ieri, controllato da personale della Squadra a Cavallo nella pineta di ponente; è stato accompagnato presso gli Uffici del Commissariato in quanto risultava inottemperante al decreto emesso dal Prefetto di Lucca di allontanamento notificatogli in data 8.02.2013 per motivi di pubblica sicurezza.

Pertanto veniva messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’ adozione di ulteriori provvedimenti a suo carico.

K.H. nato in Marocco nel 1990, in Italia senza fissa dimora, domiciliato in provincia di Firenze, con precedente per guida senza patente e segnalato per stupefacenti uso personale; è stato indagato in stato di libertà da personale della Squadra Volante, in quanto irregolare sul territorio nazionale. Lo straniero è stato controllato nella centralissima via Mazzini, dopo che aveva avuto una lite con un suo connazionale.

Infine R.M nato in provincia di Palermo nel 1972, pregiudicato per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, è stato controllato da personale della Squadra Volante nel Quartiere ex Campo d’Aviazione mentre circolava alla guida di un ciclomotore risultato sprovvisto della obbligatoria copertura assicurativa. Pertanto gli agenti procedevano alla contestazione dei verbali al codice della strada ritirando la carta di circolazione ed al sequestro amministrativo del mezzo.

No comments

*