Spaccio in diretta, davanti alla Polizia: il pusher fugge ma viene acciuffato

0

VIAREGGIO – Nella serata di ieri è stato effettuato un servizio di controllo straordinario del territorio che ha visto all’opera personale del Commissariato di Polizia di Viareggio e quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Toscana.  Le pattuglie hanno attuato uno specifico e  mirato controllo della zona circostante la Stazione ferroviaria e la pineta di ponente per contrastare i fenomeni di microcriminalità diffusa e lo spaccio.

Il bilancio del servizio, 31 persone identificate, di cui 12 extracomunitari, 15 mezzi fermati e passati al setaaccio e due arresti

In pieno giorno, poco dopo le 2 del pomeriggio, gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Toscana stanno perlustrando la  pineta di ponente. In una zona conosciuta agli agenti perché frequentata da spacciatori, viene individuato un giovane in piena attività “lavorativa”. La scena è chiarissima: si assiste in diretta allo scambio, che avviene con totale disinvoltura, fra il “pusher” ed il suo “acquirente”. I poliziotti circondano l’area e non lasciano vie di fuga scoperte. Quando intervengono lo spacciatore scappa fra i cespugli ma casca, inevitabilmente, tra le braccia degli altri agenti appostati fra gli alberi e viene acciuffato. Durante la fuga aveva cercato di disfarsi della droga, lanciandola per aria, ma è stata tutta recuperata e sequestrata: 6 dosi di hashish per un totale di 12 grammi e sei “palline” di cellophane termosaldate per un totale di 6 grammi di cocaina nonché una cospicua somma di denaro. Negli uffici del Commissariato è stato identificato per Said Jarmouni ventenne marocchino, in Italia senza fissa dimora, che nella notte del 21 ottobre scorso, complice il buio, era riuscito a dileguarsi dopo che una volante del Commissariato di Viareggio lo aveva sorpreso, sempre nello stesso punto e sempre a spacciare. In quella circostanza erano stati rinvenuti 30 grammi di cocaina e un “pezzo” di hashish.   Pertanto è stato tratto in arresto per detenzione e spaccio di  sostanza stupefacente, nella mattinata odierna sarà processato con rito direttissimo presso il Tribunale di Lucca.

Sempre nel pomeriggio di ieri, durante un controllo in piazza Dante nei pressi della stazione ferroviaria, il Reparto Prevenzione Crimine ha proceduto all’arresto di Raduani Eddabbhi 34enne cittadino marocchino clandestino con precedenti penali inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti ed irregolarità sulle norme di immigrazione. L’uomo, all’arrivo degli agenti, ha manifestato evidente nervosismo infatti è stato trovato in possesso di circa due grammi di hashish. Forse credeva di farla franca dichiarando un falso nome, ma come da prassi, per chi non è in possesso di documenti di riconoscimento, è stato portato in ufficio per ulteriori accertamenti. Dopo l’identificazione, avvenuta mediante il riscontro delle impronte digitali, i poliziotti hanno smascherato lo straniero il quale, con il suo vero nome, risultava avere a suo carico un mandato di cattura emesso dal Tribunale di Lucca. E’ stato segnalato al Prefetto di Lucca per il possesso della sostanza stupefacente per uso personale ed è stato accompagnato in carcere dove dovrà scontare la pena di 10 mesi di reclusione.

 

 

No comments

*