Stop al termovalorizzatore di Pisa, 8 dipendenti spostati a Pioppogatto

MASSAROSA – Cessa l’attività il termovalorizzatore di Pisa, e dalle prossime settimane i 22 dipendenti che ci lavorano saranno ricollocati. E’ quanto si apprende da fonte sindacale. L’impianto risulta inattivo già da marzo e i lavori necessari per adeguarlo ai nuovi standard secondo Reti Ambiente spa, che ne è proprietaria, sarebbero troppo onerosi. Da qui ladecisione, già comunicata ai sindacati, di dismetterlo. Secondo quanto si è appreso, 8 dei 22 dipendenti saranno trasferiti all’inceneritore di Pioppogatto, a Massarosa che dovrebbe essere potenziato, altri 7 saranno trasferiti al magazzino kit della Geofor a Pisa, due al numero verde della stessa azienda a Pontedera, due al servizio di raccolta porta a porta di Pisa, uno presso gli impianti di Pontedera, mentre tre responsabili andrebbero a sostituire altrettante figure professionali analoghe in via di pensionamento nello stabilimento pontederese. Su queste decisioni è stato però aperto un confronto sindacale e oggi si è svolta l’assemblea dei lavoratori che ha affidato a Cgil, Cisl e Usb un pacchetto di richieste da sottoporre all’azienda. I rifiuti provenienti dalla raccolta indifferenziata pisana, fortemente ridotta grazie al porta a porta, saranno conferiti nell’impianto di Massarosa.

“Siamo tutti sulla stessa barca”

LIVORNO – Abbattimento delle barriere architettoniche e stretta collaborazione tra soggetti che operano nei settori della nautica, dei porti turistici e del turismo balneare. È ...