Stop a rumori e caos, a Pietrasanta l’estate è relax

0

PIETRASANTA – Stop a rumori e caos ma solo in determinate e ben definite aree del Comune di Pietrasanta. A Pietrasanta l’estate è sinonimo di relax ma anche di tolleranza. L’amministrazione comunale guidata da Massimo Mallegni “abbassa” i decibel dei rumori per difendere la salute pubblica di residenti e turisti durante il periodo di massima affluenza anche sotto il profilo dell’inquinamento acustico rimettendo mano alla storica ordinanza che vietava, su tutto il territorio comunale, rumori ed attività. Liberate” dal divieto le aree collinari ma anche agricole lontane dai centri abitati. L’ordinanza è stata modificata seguendo anche le esigenze di molti residenti e per consentire anche il mantenimento del decoro durante i mesi estivi.

Fino al 30 settembre tutte quelle attività definite rumorose come cantieri edili ed attività di giardinaggio con falciatrici o tosaerba nell’areale del centro storico, a mare della fascia tra via Barcaio, via Ficalucci, via Del Sale, via Sparta e via del Padule e all’interno dei nuclei abitati formati da almeno 25 fabbricati potranno essere svolte nella fascia oraria tra le 9.00 e le 13.00 e tra le 16.00 e le 20.00. Unica eccezione i cantieri di urgenza e di pubblica utilità). “L’ordinanza, già pubblicata sull’Albo Online del sito del Comune di Pietrasanta, punta a rendere compatibili le esigenze di natura abitativa e quelle di soggiorno con quelle delle attività economiche e lavorative.
L’ordinanza mette un freno anche agli interventi e alle attività di pubblica utilità relativi a forniture di gas, luce, acqua e al servizio di fognatura nera e rete telefonica fissa ad esclusione delle azioni effettuate con carattere di urgenza. Stop anche all’utilizzo di megafoni, altoparlanti negli stabilimenti balneari, nei campeggi e sulle spiagge, agli apparecchi televisivi, di registrazione di suoni, strumenti musicali o similari. Per quanto riguarda i dispositivi di allarme acustico antifurto (gli allarmi delle case) dovranno essere regolati secondo le disposizioni sui limiti sonori e sui tempi massimi prevista dalla legislazione in materia. Per chi non rispetta le regole sono previste sanzioni sono previste sanzioni da 103 euro a 516 euro.

No comments

*