Svolta nella ricerca del pirata della strada, si ridimensiona la sua posizione

0

PIETRASANTA – Non era fuggito l’uomo che, meno di una settimana fa, lungo la Statale Aurelia, all’altezza di Via Pontenuovo, aveva “speronato” con il suo motocarro un giovane in sella ad una bicicletta costringendolo alle cure all’Ospedale Unico della Versilia. L’indagine complessa ed estesa anche ai Comuni limitrofi, nonostante la richiesta formulata attraverso i media al conducente di presentarsi al comando della Polizia Municipale di Pietrasanta, era rimasta senza esito fino a 24 ore fa. Nel corso delle ultime ora la svolta che è servita anche a ridimensionare il comportamento dell’uomo nei confronti della legge. L’uomo, un 48enne nato e residente a Camaiore, rischiava l’omissione di soccorso che prevede oltre alla sospensione della patente e sanzioni amministrative, anche l’arresto. Sono state le testimonianze di diversi cittadini a “scagionarlo”: il conducente del motocarro, un’Ape, si era fermato ed aveva atteso l’arrivo del mezzo di soccorso per poi allontanarsi subito dopo. Tutte circostanze che i riscontri incrociati. La Polizia Municipale è risalita all’uomo, per altro in regola con la copertura assicurativa e revisione del mezzo, attraverso il controllo delle utenze che avevano composto il 118 del Versilia. Una volta identificato l’uomo è stato invitato a presentarsi al Comando della Polizia Municipale di Pietrasanta per la deposizione. L’uomo non dovrà più rispondere della grave accusa di omissione di soccorso ma della semplice sua omessa messa a disposizione alla Forza di Polizia intervenuta oltre che delle lesioni colpose in danno del ciclista

No comments

*