Tallio, Bramerini: “240mila euro di contributi”

0

PIETRASANTA – “Alla luce dell’emergenza in corso, e per tutti gli approfondimenti necessari, abbiamo assegnato contributi al Comune di Pietrasanta: 33 mila euro per interventi sul sito ex miniere Edem, 10 mila euro per la redazione di analisi del rischio per il torrente Baccatoio, e 191 mila euro per interventi in localita’ Monte Arsiccio”. Cosi’ l’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini in una comunicazione al Consiglio toscano sulla presenza di tallio nella rete idrica di Pietrasanta
Secondo Bramerini sono stati individuati “quali principali sorgenti della contaminazione le mineralizzazioni presenti nella parte alta del bacino del Torrente Baccatoio oggetto, nel passato, di attivita’ mineraria. Sara’ quindi necessario approfondire le conoscenze idrogeologiche e geotermiche dell’area, oltre che dei processi di rilascio dei diversi contaminanti compreso il tallio, dalle rocce mineralizzate alle acque superficiali e sotterranee”. Per le zone in cui vige il divieto d’uso dell’acqua, Bramerini ha chiarito che “si procede al rifornimento mediante autobotti”. Sono comunque stati campionati “tutti i punti di prelievo esistenti sulla rete dei Comuni della Versilia per la ricerca del tallio. Nelle zone soggette ad ordinanza di divieto non sono al momento eseguiti controlli in attesa che il gestore completi i lavori di posatura della nuova rete. Tuttavia e’ stato gia’ concordato che per la revoca dell’ordinanza si prevede di eseguire campioni su tutti i punti di prelievo presenti, piu’ un numero significativo di campioni che saranno eseguiti all’interno di abitazioni scelte direttamente dal comitato dei cittadini”. L’assessore ha inoltre ricordato che e’ stato “definito il proNell’ambito delle iniziative di monitoraggio e intervento legate alla presenza di tallio nell’acqua del territorio di Pietrasanta, “e’ stato avviato un piano di controllo specifico delle acque erogate nelle scuole che sara’ implementato nel 2015”. Lo ha reso noto l’assessore toscano all’ambiente Anna Rita Bramerini, in una comunicazione al Consiglio regionale. “Sono anche stati programmati 5 incontri con le scuole situate nelle aree interessate dalla non potabilita’ dell’acqua – ha aggiunto – per chiedere ai genitori l’adesione all’indagine epidemiologica dei bambini che frequentano tali scuole”. Questo perche’ i bambini “pur non abitando nelle aree interessate, potrebbero essere stati potenzialmente esposti” al Tallio. Inoltre, ha detto ancora, “e’ stato avviato un piano di controllo specifico delle acque erogate nelle scuole che sara’ implementato nel 2015″. Domani e’ in programma a Firenze un incontro tra il governatore toscano Enrico Rossi e tutti i soggetti coinvolti per fare il punto sull’avanzamento delle attivita’ e concordare le azioni successive per il superamento dell’emergenza. Rossi, ha ricordato Bramerini, si e’ inoltre impegnato a recarsi sul posto il 6 dicembre per avere un contatto diretto con i cittadinigetto per l’indagine epidemiologica per lo stato di salute della popolazione”

 

No comments

*