Tragedia all’hotel Astor: medico trovato cadavere in camera

VIAREGGIO – Tragedia nel pomeriggio all’hotel Astor di Viareggio. Il corpo di un uomo è stato trovato senza vita poco dopo le 16. Le cause della morte ancora non sono chiare, sono in corso infatti le indagini dei Carabinieri intervenuti sul posto con il 118. Quando il personale medico è arrivato all’albergo ormai per il 37enne non c’era più da fare.

La vittima,  Luca Rovai, medico psichiatra in forza all’ospedale Noa di Massa, e figlio del cardiologo Daniele Rovai, morto due anni fa, e della dottoressa Paola Lambelet, primaria – oggi in pensione – all’ospedale di Lido di Camaiore, è stata trovata cadavere in una camera, che aveva prenotato ieri.  La salma, dopo il nulla osta del pm di turno, è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale “Versilia”, in attesa dell’esame autoptico.

“Davvero una tragedia. Luca Rovai era un giovane e bravo psichiatra, che aveva vinto lo scorso anno un concorso svoltosi a Volterra”, questo il ricordo del professor Mario Di Fiorino, primario di Psichiatria al “Versilia: “L’avevo invitato a Febbraio a Viareggio a tenere una relazione ad un convegno sulla schizofrenia e sarebbe stato ancora relatore il mese prossimo al 20° congresso di Bridging a Tallinn. Sono turbato, come immagino lo saranno tanti psichiatri, operatori e pazienti che l’hanno conosciuto”.