Tragedia sfiorata alla banchina Lenci: la gru si schianta a terra, salvi gli operai

0

VIAREGGIO – Tragedia sfiorata alla banchina Lenci. Una grossa gru si è schiantata a terra, vicino alle barche ormeggiate. Solo per un miracolo nessuno si è fatto male. I due dipendenti della ditta sono riusciti ad allontanarsi in tempo. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Capitaneria di Porto di Viareggio, con i Vigili del Fuoco, il personale della Asl 12 e l’autorità portuale, che hanno provveduto a transennare la zona per poi effettuare i rilievi. Il cedimento di uno stabilizzatore sarebbe, dai primi riscontri, la causa del ribaltamento. La Capitaneria di Porto ha comunque aperto un’inchiesta per verificare le cause dell’incidente.

Una autogru della locale Simir Srl, specializzata in operazioni di alaggio, varo e noleggio gru per imbarcazioni, durante una apparentemente semplice manovra di sollevamento e movimentazione di un invaso in ferro utilizzato per il ricovero di unità navali nell’area di rimessaggio in concessione, si è sbilanciata rimanendo pericolosamente in bilico su un fianco. Per fortuna, nessuna conseguenza per l’operatore impiegato sulla gru e per il dipendente a terra.
Contenuti anche i danni alle cose, con il braccio della gru che ha solo sfiorato alcune delle imbarcazioni alate a terra nelle immediate vicinanze. Per mettere in sicurezza l’area portuale, sono intervenuti i militari della Capitaneria di porto di Viareggio. Sul posto anche i Vigili del Fuoco del Comando di Viareggio, i Tecnici del Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro della Asl 12 di Viareggio e personale dell’Autorità Portuale regionale.
Con il coordinamento tecnico dei pompieri, gli operai della ditta hanno provveduto quindi a sollevare il braccio della gru e a riposizionare il mezzo in sicurezza sulla banchina.  Seguiranno nelle prossime ore gli accertamenti tecnico-amministrativi della USL 12 e della Capitaneria di porto, sia verificando l’idoneità dell’autogru sia acquisendo le certificazioni ed abilitazioni possedute dalla ditta e dai suoi dipendenti, anche per risalire alle cause di quanto accaduto.

 

No comments

*